Home Effetto Serra Mobilità sostenibile in Italia: il caso della bicipolitana a Pesaro

Mobilità sostenibile in Italia: il caso della bicipolitana a Pesaro

mobilita_sostenibile_impatto_ambientale_pesaro
Proprio qualche giorno fa parlavamo dello stato della mobilità sostenibile in Italia: alcune città sono un po’ più evolute, ma lo stato delle piste ciclabili, del car sharing e dello sviluppo dei mezzi pubblici non è paragonabile a quanto avviene in molte altre capitali europee. L’iniziativa di Pesaro, pero, sembra andare finalmente nella giusta direzione.

Deve aver preso spunto dal caso dell’autostrada per le biciclette tedesca la giunta della città marchigiana per pensare a una bicipolitana: si tratta, infatti, di un metodo innovativo per combattere polveri sottili e inquinamento atmosferico che permette la libera circolazione di biciclette (elettriche e non) in zone sicure e dedicate.
In parole semplici, il progetto consiste in una sorta di metropolitana di superficie dove possono circolare solo veicoli ecologici a due ruote. Sarà così possibile muoversi rapidamente da una parte all’altra della città, seguendo gli appositi percorsi, in modo del tutto gratuito e con un impatto ambientale nullo. Tutta la città sarà strutturata a misura di ciclista, con ben trenta zone ad accesso limitato, allo scopo di garantire un pieno sviluppo sostenibile del territorio. Un risultato ambizioso che mira a creare un nuovo modo di vivere e di convivere nell’ecosistema urbano di cui i cittadini sono parte integrante.
Restiamo dunque in attesa che tale iniziativa di mobilità sostenibile venga attuata per comprenderne le effettive potenzialità -anche in ottica di diminuzione dello smog- nella speranza che altre amministrazioni locali possano imitare l’idea e fare una proposta adatta allo spazio che sono chiamati a gestire, con un occhio in più alla tutela ambientale.