Home Arredamento Ecosostenibile Come arredare casa in modo ecologico: 10 consigli green

Come arredare casa in modo ecologico: 10 consigli green

Una vita ecosostenibile parte dall'arredamento della propria casa. Risparmiare acqua ed energia, scegliere materiali sostenibili e utilizzare mobili riciclati sono solo alcuni dei consigli fondamentali per vivere green. Ecco la guida completa per arredare casa in modo ecologico.

L’attenzione all’ambiente e all’ecologia sta diventando sempre più importante negli ultimi anni. Avere a cuore il bene del Pianeta non è più soltanto una scelta, ma un dovere che tutti abbiamo per preservare la natura. Il primo passo da fare è quello di vivere in maniera il più possibile ecosostenibile. La nostra casa è il luogo dove trascorriamo la maggior parte del tempo ed è pertanto il punto di partenza perfetto per avere uno stile di vita ecosostenibile. Ma come si può fare? Sono molte le scelte che possiamo fare per rendere la nostra casa più green. Scegliere un arredamento sostenibile è il primo passo per salvaguardare l’ambiente ed evitare gli sprechi. Ecco i nostri consigli per arredare casa in modo ecologico.

Arredare casa in modo ecologico: sfruttare le risorse rinnovabili

Il principale problema su cui agire per arredare casa in modo ecologico è quello dello spreco di energia elettrica. Per chi ha la possibilità di farlo, installare un impianto fotovoltaico o geotermico è certamente la soluzione migliore. I pannelli solari permettono, infatti, di avere a disposizione energia elettrica pulita e di risparmiare molto sulle bollette. Oggi è possibile installare pannelli solari a prezzi vantaggiosi sfruttando le agevolazioni fiscali ed, in alcuni casi, l’Ecobonus del 110%. Esistono inoltre tapparelle fotovoltaiche con pannelli solari che permettono di produrre energia pulita direttamente dalle finestre.

Risparmiare energia elettrica

Risparmio energetico in casa: guida consapevole
Foto Shutterstock | Lukasz Stefanski

Anche se non si ha la possibilità di installare un impianto fotovoltaico, non significa che non si possa risparmiare energia elettrica. Il primo consiglio resta sempre quello di spegnere sempre le luci quando si esce da una stanza e di scollegare gli elettrodomestici quando si lascia la casa per lungo tempo. Un altro modo per sprecare meno energia ed arredare casa in modo sostenibile è quello di preferire l’illuminazione a LED. Le lampadine a LED consumano fino all’85% di energia in meno e durano fino a 20 volte di più rispetto a quelle ad incandescenza.

Usare vernici ecologiche

Se vogliamo tinteggiare le pareti per dare nuova luce agli ambienti, possiamo scegliere delle vernici sostenibili. Queste vernici sono completamente naturali e quindi prive di prodotti petrolchimici. Inoltre sono atossiche e senza composti organici volatili, che possono causare diversi problemi di salute come mal di testa o irritazioni. Infine le vernici ecologiche sono inodori e molto più traspiranti rispetto a quelle classiche. In questo modo sarà garantito lo scambio di umidità tra parete e ambiente, prevenendo la formazione di muffe.

Il riciclo intelligente

Per arredare casa in modo ecologico ed economico è possibile riciclare vecchi oggetti in maniera intelligente e fantasiosa. Molti oggetti che sembrerebbero destinati alla discarica possono trovare nuova vita nell’arredamento di una casa. Le possibilità sono molte, ma l’esempio più calzante è certamente quello dei pallet, utilizzati per il trasporto delle merci. Questi oggetti sono facilmente reperibili ad un costo bassissimo, se non nullo, e possono essere riutilizzati in molti modi. Ad esempio, se si ha un giardino o un terrazzo, si possono realizzare delle splendide fioriere. Altrimenti possono essere utilizzati come base per un letto o un divano “alternativo” con uno stile post-industriale inconfondibile.

Scegliere tessuti naturali per un arredamento ecosostenibile

Econyl, nuovo tessuto sostenibile ottenuto con la plastica riciclata
Foto Shutterstock | IKO-studio

Anche la scelta dei tessuti presenti nell’arredamento può essere guidata dalla sostenibilità. I prodotti tessili presenti in una casa sono svariati: dai tappeti alle lenzuola fino ad arrivare agli asciugamani. Scegliere tessuti naturali è certamente l’idea migliore. Lino, cotone, juta e canapa sono tessuti naturali, belli e sostenibili. Il cotone può fare eccezione, in quanto spesso non è coltivato in maniere ecosostenibile. Tuttavia si sta diffondendo sempre di più il cotone organico, coltivato e trattato in modo più etico e sostenibile.

Ridurre la plastica

La plastica è uno dei materiali più inquinanti in assoluto, specialmente se non viene smaltita nel modo corretto. Per questo motivo è opportuno ridurne il più possibile l’utilizzo, soprattutto nel caso di prodotti monouso. Esistono molte alternative che permettono di utilizzare meno plastica. Ad esempio si possono usare piatti e cannucce di carta al posto di quelli di plastica oppure evitare di comprare bottiglie d’acqua in plastica, usando quella del rubinetto. In ogni caso rimane fondamentale fare una corretta raccolta differenziata dei rifiuti plastici per garantire che questi vengano riciclati.

Arredamento eco-friendly: legno e bambù

Casa arredata in modo ecologico con legno e bambù
Foto Shutterstock | Anna Oleksenko

Il legno è un materiale resistente, duraturo e dal design senza tempo. Non tutto il legno però è ecosostenibile. Nella scelta dell’arredamento in legno è fondamentale controllare sempre che questo sia certificato CE o FSC. In questo modo saremo certi di scegliere un legno prodotto in maniera controllata e sostenibile. Per chi ama il parquet una scelta di moda ed ecosostenibile è quella del pavimento in bambù. Il bambù è senza dubbio il tipo di legno più sostenibile, in quanto cresce fino a 8 volte più velocemente rispetto alle altre tipologie di alberi da legname.

Risparmiare acqua potabile

L’acqua potabile è un lusso che spesso non riusciamo ad apprezzare. Non è infatti scontato avere acqua corrente nella propria abitazione e, per questo, dobbiamo sprecarne il meno possibile. Per farlo bisogna fare attenzione a chiudere sempre l’acqua quando non si utilizza direttamente, ad esempio quando ci si lavano i denti o ci si rade. Per rendere questo compito più semplice, esistono anche rubinetti anti-spreco. Questi possiedono una doppia modalità di erogazione che può essere utilizzata per ridurre lo spreco di acqua.

Mobili ecosostenibili in cartone

La carta e il cartone sono materiali estremamente ecosostenibili. Da qui nasce l’idea di realizzare mobili in cartone. Al primo impatto può sembrare azzardato, ma sono sempre di più le linee di mobili realizzate in questo modo. I mobili in cartone, oltre ad essere sostenibili, sono anche economici, estremamente personalizzabili e di facile assemblaggio senza l’utilizzo di collanti nocivi. Inoltre sono molto più resistenti di quanto si possa pensare, poiché realizzati con cartone spesso e di grande qualità.

Impianto Domotico

Per diminuire i consumi, e quindi gli sprechi, di energia elettrica può essere utile installare un impianto domotico. Questo tipo di impianti rendono la casa “intelligente” permettendo di gestire l’accensione, lo spegnimento e la regolazione di tutti gli elettrodomestici e gli apparecchi elettronici della casa in modo semplice e pratico. In questo modo sarà possibile risparmiare energia e rendere la propria casa sempre più sostenibile.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Costruzione di una casa ecologica in muratura
Foto Shutterstock | Halfpoint