Home Fotovoltaico Affitto del tetto per il fotovoltaico: come fare e a chi rivolgersi

Affitto del tetto per il fotovoltaico: come fare e a chi rivolgersi

Scopriamo insieme come fare e a chi rivolgersi per avviare procedure di affitto del tetto per il fotovoltaico: ecco tutto quello che c'è da sapere su questa pratica!

Sono moltissime le aziende che, negli ultimi anni, si sono messe a disposizione per avviare procedure di affitto del tetto per il fotovoltaico.

Vediamo insieme alcuni aspetti di questa pratica!

Cosa serve

La maggior parte delle società che si offre per questo servizio propone contratti di durata ventennale o trentennale. I requisiti sono abbastanza lineari:

  1. Il tetto deve appartenere ad una struttura di proprietà di chi fa richiesta; la struttura può essere di qualsiasi tipo, dal tetto di una casa alla copertura di un capannone industriale o di un parcheggio, e così via
  2. Nell’area non ci devono essere vincoli paesaggistici o artistici di qualche tipo
  3. Nella zona deve essere presente una centrale elettrica di media o alta tensione

Tutto qui!

Sono le stesse aziende a fare le verifiche in loco per valutare la presenza dei requisiti, di solito in modo gratuito per il cliente che ne fa richiesta. Inoltre, se nel tetto è presente amianto (anche detto Eternit), si occupa della sua rimozione e del suo corretto smaltimento, nel rispetto delle normative di sicurezza per il trattamento di questo pericoloso materiale da costruzione usato per quasi tutto il ‘900.

L’azienda è anche l’elemento dell’accordo che si preoccupa di richiedere i permessi di costruzione e manutenzione dell’opera fotovoltaica.

Il canone

La maggioranza delle società che si occupa di questo tipo di offerta propone un canone annuale che varia tra i 3 e 4 mila euro per ettaro coperto da pannelli fotovoltaici. Va da sé che l’offerta è riferita ai proprietari di ampie superfici esposte al sole. Difficilmente una singola abitazione copre una simile superficie; più probabilmente lo fa un capannone, un parcheggio, oppure la copertura di un terreno agricolo.

Cosa succede dopo

Dopo aver firmato il contratto e avviato la procedura il proprietario dello stabile non deve occuparsi di nulla: tutta l’installazione e la manutenzione è curata dall’azienda, che paga annualmente il canone di affitto della superficie.

Alla scadenza del contratto è possibile rinnovarlo, o far smantellare i pannelli.

I due grandi vantaggi

I due grandi vantaggi della cessione in locazione dei tetti per i pannelli fotovoltaici sono di ordine ambientale ed ecologico:

  1. Le aziende eliminano l’amianto eventualmente presente nel tetto, migliorando la qualità dell’ambiente e soprattutto rendendo gli edifici decisamente più sicuri (nonché a norma di legge)
  2. L’energia elettrica ottenuta con fonti rinnovabili è un aiuto preziosissimo per l’ambiente, che ne risente in modo estremamente più contenuto rispetto a come farebbe a causa delle emissioni dei combustibili fossili, purtroppo, ad oggi, ancora troppo utilizzati