Home Moda Ecosostenibile Costumi da bagno ecologici: la moda sostenibile in spiaggia

Costumi da bagno ecologici: la moda sostenibile in spiaggia

L'attenzione alla moda sostenibile si rivela anche in spiaggia attraverso i costumi da bagno ecologici. Materiali rigenerati, modelli zero waste design, filati completamente naturali, attenzione all'inclusività e al packaging green. Una selezione di marchi da tenere d'occhio per un'estate all'insegna della sostenibilità.

C’è vasta scelta tra i costumi da bagno ecologici, che rappresentano un altro modo per occuparci di sostenibilità, anche in spiaggia. Quello che caratterizza questi costumi green è costituito innanzitutto dai materiali scelti. Per la loro produzione vengono utilizzati soltanto materiali naturali o rigenerati, come ad esempio l’econyl, un nylon rigenerato al 100% proveniente da rifiuti in nylon. Il sistema di rigenerazione ECONYL, di cui è proprietaria l’azienda Aquafil di Arco (Trento) produce un filato in nylon del tutto identico a quello vergine. Il risultato è il recupero di materiali di scarto e la mancata produzione con nuove materie prime.

LEGGI ANCHE: ECONYL, LA RIVOLUZIONE DEI TESSUTI SOSTENIBILI

40
Costumi da bagno green

I costumi da bagno sostenibili inoltre possono rappresentare una via privilegiata per rispettare l’ambiente e sono fondamentali anche per chi soffre di allergie, abbattendo la possibilità di irritazioni cutanee. I materiali a contatto con la pelle sono ispirati a tutto ciò che la natura ci offre. Anche al mare possiamo fare la differenza, se decidiamo di acquistare o indossare un costume da bagno sostenibile. Ora è ancora una scelta, probabilmente nel futuro sarà inevitabile scegliere un marchio sostenibile. Le certificazioni e i protocolli richiesti ai marchi di moda si stanno facendo sempre più stringenti in termini di sostenibilità, tanto vale portarsi avanti con un consumo consapevole. Impariamo ad essere portatori di buone pratiche anche al mare!

LEGGI ANCHE: Moda sostenibile, l’importanza dei controlli sulla filiera

Come scegliere un costume ecologico

Scegliere un costume ecologico significa badare essenzialmente all’etichetta, che riporta i tessuti, attraverso i quali il costume stesso è stato realizzato. I materiali devono essere naturali e si devono distinguere per l’assenza di metalli pesanti e sostanze tossiche. Ci sono alcuni marchi di qualità ecologica da segnalare, come, per esempio, OekoTex e GOTS. Queste due sigle costituiscono un punto di riferimento per indicare che abbiamo scelto il costume giusto per rispettare l’ambiente. Ci sono dei costumi ecologici disponibili anche per i bambini, che sono realizzati con una parte assorbente interna, che può sostituire l’uso dei pannolini usa e getta. Non utilizzando più, almeno al mare, questo tipo di pannolini, contribuiamo a rendere meno difficile la gestione dei rifiuti. Un’azienda che produce costumi ecologici è sicuramente impegnata sul fronte della responsabilità etica e sociale. Questo significa che la produzione avviene nel rispetto dei diritti dei lavoratori e in assenza di sfruttamento minorile.

I modelli più acquistati

Ci sono vari tipi di modelli di costumi ecologici. Per esempio Piwapee è un’azienda francese che produce i costumi per i piccoli rispettando gli standard del commercio equosolidale. La fodera interna di questi costumi è al 100% in puro cotone naturale e biologico, per questo i capi in questione sono adatti anche per bambini che soffrono di allergie. Presentano dei tessuti anti raggi uv, bloccando il 98% dei raggi uva e uvb, e i prezzi variano da 21,50 a 31,50 euro. Alcuni di questi costumi hanno anche un innovativo sistema antifuoriuscite e antisabbia. Per le donne c’è ampia scelta. Qui vi riportiamo alcuni marchi che sposano lo stile di donne diverse: Mermazing, Repainted, CasaGIN e Måne Knit Designs.

Per chi punta su linee pulite e colori monocromatici c’è Mermazing, nato a Latina da due cugine e propone swim e beachwear in plastica riciclata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MERMAZING (@mermazing_beachwear) in data:

Per chi ama i pattern e le fantasie il marchio Repainted è ispirato alle maioliche ed è perfetto da indossare in ogni momento della vita al mare. Un brand italiano che nasce in laboratori artigianali, e che utilizza solo lycra italiana rigenerata, un tessuto molto morbido e che si asciuga subito.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Repainted BeachWear (@repainted_beachwear) in data:

Ci spostiamo in Veneto per CasaGIN, i cui fornitori sono a km 0, piccole aziende locali dove la passione di ogni singola persona fa la differenza. I costumi, ma anche la linea di intimo, sono 100% Made in Italy e realizzati nel rispetto dell’ambiente in fibre vegetali biodegradabili.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CasaGIN_Official (@casagin_official) in data:

Måne Knit Designs, nato dalla fashion designer Lisa Rossetti, è una linea di costumi fatti all’uncinetto con gusto e personalità. L’azienda usa solo fibre provenienti da aziende sostenibili, che producono in modo etico ed equo solidale, nel totale rispetto delle risorse utilizzate, non solo ambientali, ma anche animali, quindi totalmente cruelty free.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ṃåṅє ҡṅıṭ Ԁєṡıɢṅṡ®️ (@mane.knitdesigns) in data:

Anche Individuals realizza dei costumi ecologici che si distinguono per la varietà dei modelli e per le caratteristiche innovative che presentano. La scelta è davvero ampia e possiamo citare alcuni modelli: Jamaica, Empire of sun, Fringe, Double e Vleg.

A ciascuno il suo, e ora tutti a mare all’insegna della sostenibilità!

Guarda anche:

Sostanze tossiche nei vestiti: una guida utile

Gucci, la nuova collezione green

Moda ecosostenibile: i brand più virtuosi da conoscere