Home Agricoltura Lavanda in vaso: come coltivare la lavanda a casa

Lavanda in vaso: come coltivare la lavanda a casa

Coltivare la lavanda sul proprio terrazzo o in giardino, non è così difficile come si potrebbe pensare. Abbiamo raccolto per voi una piccola guida per curare al meglio la lavanda in vaso a partire dalla semina fino alla raccolta dei fiori (e come utilizzare questi ultimi per creare prodotti fai da te).

Coltivare la lavanda in vaso è semplice, basta seguire alcuni consigli che permettono di ottenere piante rigogliose e belle anche in terrazzo. Coltivare la pianta di lavanda può essere infatti un’ottima idea perché oltre a essere apprezzata per il profumo dei suoi fiori, che possono essere utilizzati anche in fitoterapia, è molto bella da vedere e può fare, specialmente in estate, da repellente naturale nei confronti delle zanzare. La prima cosa da sapere per coltivare la lavanda è che ama gli ambienti soleggiati, soprattutto i luoghi dove il clima riesce a essere abbastanza secco; tuttavia si adatta a condizioni climatiche differenti, anche se come pianta preferisce soprattutto la stagione calda raggiungendo il massimo rigoglio tra la primavera e l’estate. Per quanto riguarda le coltivazioni, si possono usare i semi della tipologia preferita, che vanno interrati e posizionati in un luogo luminoso. Il rinvaso va fatto preferibilmente in primavera quando le piantine sono un po’ cresciute. Dopodiché bisogna prendersene cura annaffiandole, ma non troppo per evitare ristagni, e concimando con prodotti biologici. Ecco di seguito, spiegati passo passo, tutti i segreti della coltivazione della lavanda in vaso:

Lavanda in vaso: prodotti naturali fai da te

La lavanda secca può essere utilizzata per preparare numerosi prodotti naturali fai da te, dagli scrub ai deodoranti, dai saponi agli oli essenziali fino ai sacchettini profumati per la casa.

Partiamo dagli scrub che possono essere preparati utilizzando fiori essiccati di lavanda, olio di mandorle dolci e sale fino. Basta mescolare i 3 ingredienti in un recipiente, variando le dosi a seconda delle preferenze. Lo scrub va poi versato in un barattolo chiuso, in modo da poterlo conservare per un po’ e utilizzare al momento del bisogno.

Facilissima anche la preparazione dei sacchettini di lavanda profumati da inserire negli armadi, nei cassetti o da riporre sulle mensole in bellavista. Basta procurarsi un sacchettino di cotone, lino o canapa, inserirci i fiori essiccati, chiudere il sacchetto con un cordino. Per renderlo carino potete aggiungere un rametto di lavanda essiccata.

Leggi anche: Saponette profumate fatte in casa