Home Casa ecologica Come rendere la propria casa sostenibile secondo Ikea: guida pratica

Come rendere la propria casa sostenibile secondo Ikea: guida pratica

IKEA ha pubblicato una guida per rendere la propria casa ecosostenibile. Rendere la casa più sana, risparmiare acqua ed energia, mangiare in maniera sostenibile, scegliere mobili e materiali ecosostenibili per la propria abitazione. Ecco tutti i consigli da seguire.

Vivere in modo più sostenibile è possibile. Ognuno di noi può adottare dei piccoli e semplici accorgimenti per contribuire a salvaguardare l’ambiente. Il primo ingrediente è certamente quello di rendere sostenibile la propria abitazione. Ma come si fa ad avere una casa sostenibile? IKEA ha pubblicato una lista di consigli semplici ma utilissimi per rendere la propria casa, e di conseguenza la propria vita, sempre più sostenibile. Dalla qualità della vita alla gestione dell’acqua e dell’energia, dall’alimentazione fino a mobili e materiali sostenibili. Ecco la guida per rendere la propria casa sostenibile secondo IKEA.

Casa sostenibile IKEA: Vivere in una casa più sana

ragazzo seduto su sgabello per seduta attiva in casa sostenibile Ikea
Foto IKEA

Vivere in modo sostenibile non significa solo prendersi cura dell’ambiente, ma anche della propria salute e del proprio benessere. Il primo passo è quello di rendere l‘aria che respiriamo più pulita possibile. La maggior parte della popolazione vive infatti in zone molto inquinate e l’inquinamento entra nelle nostre case. Esistono diverse soluzioni per questo problema, come i purificatori d’aria elettrica, ma esistono anche soluzioni più ecologiche come le tende che purificano l’aria. Queste sono infatti in grado di filtrare l’aria senza bisogno di elettricità ed è realizzata in poliestere riciclato al 100%. Un altro fattore importante è l’attività fisica. Per chi è costretto a restare seduto per molte ore al giorno, la soluzione può essere uno sgabello per seduta attiva. Questa tipologia di seduta aiuta a mantenere il corpo in costante movimento e, se usata con regolarità, rafforza i muscoli e la spina dorsale.

Risparmiare energia e acqua

Lampadina LED con telecomando per casa sostenibile Ikea
Foto IKEA

Ogni giorno in una casa si sprecano molti litri di acqua potabile e una grande quantità di energia elettrica. Questi sprechi possono essere limitati grazie a piccoli accorgimenti. Per diminuire lo spreco di energia il consiglio principale è quello di usare lampadine a LED, che consumano circa l’85% in meno di energia e durano fino a 20 volte in più di quelle a resistenza. Inoltre resta fondamentale ricordarsi di spegnere sempre le luci quando si esce da una stanza. I modi per risparmiare acqua sono invece molti e richiedono solo qualche accortezza. Ad esempio possiamo usare miscelatori con rompi getto, che riduce la portata di acqua, oppure utilizzare il programma “Eco” della lavatrice. L’altro consiglio fondamentale per non sprecare acqua è quello di evitare il più possibile di farla scorrere inutilmente. Quindi chiudere l’acqua mentre ci si lavano i denti, lavare la verdura in una ciotola invece che sotto l’acqua corrente e raccogliere l’acqua che scorre mentre si scalda la doccia e usarla per innaffiare le piante.

Mangiare in modo più sostenibile

Set di contenitori per raccolta differenziata per casa sostenibile Ikea
Foto IKEA

Per una vivere in una casa sostenibile secondo Ikea, non può mancare l’attenzione all’alimentazione. I prodotti alimentari hanno infatti un forte impatto sulla salute e sull’ambiente, dalla produzione fino allo smaltimento. Il primo passo è quello di scegliere prodotti a base vegetale, molto meno impattanti sull’ambiente rispetto a carne e latticini. Non bisogna però pensare di dover rinunciare al gusto, perché esistono molti prodotti vegetali che possono sostituire in maniera ottimale quelli di origine animale. Un altro consiglio fondamentale è quello di trasformare i rifiuti in una risorsa. I rifiuti organici possono essere trasformati in compost se si ha un giardino o un terrazzo. Altrimenti è importantissimo fare un’attenta raccolta differenziata. Infine è importante acquistare solo i prodotti che si è certi di consumare prima della scadenza e conservarli nel miglior modo possibile. In questo modo è possibile evitare di sprecare cibo inutilmente.

Casa sostenibile IKEA: Scegliere mobili che durano di più

Cameretta con letto allungabile in una casa sostenibile Ikea
Foto IKEA

La scelta di mobili duraturi può consentire un grande risparmio economico, oltre che un minore impatto ambientale. I mobili componibili possono essere una soluzione intelligente in vista di possibili cambiamenti di gusto o di necessità familiari. Esistono ad esempio letti allungabili per bambini, che permettono di non ricomprare più volte un letto man mano che i bambini crescono. Inoltre si possono scegliere letti o divani sfoderabili, in modo che si possa “rinnovarli” semplicemente cambiando la fodera anziché ricomprandoli. Infine, quando qualcosa si rompe, è sempre preferibile cercare di ripararla invece di gettarla via. Molti mobili sono molto semplici da riparare o da manutenere con una spesa minima e un impatto ambientale ridottissimo.

Scegliere materiali sostenibili

Cannucce di carta per una casa sostenibile Ikea
Foto IKEA

La quantità e la qualità dei nuovi materiali sostenibili sono in costante crescita. Diventa sempre più importante scegliere materiali sostenibili e/o riciclati per la propria casa. Il primo passo può essere l’abolizione della plastica usa e getta. Ad esempio le cannucce di plastica possono essere agevolmente sostituite da materiali ecologici come la carta. Nei casi in cui la plastica sia indispensabile, IKEA si sta impegnando a utilizzare solo plastica riciclata o proveniente da fonti rinnovabili entro il 2030. Inoltre possiamo scegliere materiali naturali, come il cotone, per tutti quei prodotti tessili che entrano in contatto con la pelle. Anche il legno, se proveniente da fonti sostenibili, è un materiale resistente ma nello stesso tempo ecologico. Tutto il legno usato da IKEA è conforme all’IWAY Forestry Standard, che vieta l’utilizzo di legno proveniente da foreste coinvolte in conflitti o tagliate illegalmente.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: