Animali: inserirli nello stato di famiglia contro gli abbandoni

animali stato famiglia
Per combattere il fenomeno degli abbandoni, qualcuno propone di inserire gli animali nello stato di famiglia. Cani e gatti, quindi, ma non solo. La proposta è partita nel 1998 dal politico Pdl Alberto Gagliardi, vicepresidente del Consiglio comunale, e attualmente è stata rispolverata da Pinuccia Montanari, assessore comunale alle Politiche per il benessere degli animali. “Inserire i cani nello stato di famiglia? Certo, l’idea è questa“. In questo modo, Fido e Minù potranno entrare a far parte in maniera giuridica della famiglia, e godere di diritti (e sottoporre i padroni a doveri).

La Montanari ha poi aggiunto: “Confidiamo di stilare un ordine del giorno per proporre alla sottosegretaria al Ministero della Salute, Francesca Martini, questa proposta, a suo tempo già presentata dal consigliere Gagliardi. È un’iniziativa importante e innovativa“. Certo, innovativa lo è, ma con sè porta anche alcune insidie. Qualcuno teme un possibile aumento delle imposte TIA, altri ritengono che prima degli animali bisogna pensare a quei cittadini che attualmente non godono di adeguata parificazione. Altri, invece, propongono lo stop alla vendita degli animali come possibile rimedio.
 
Ma la genovese tira dritto per la sua strada, e aggiunge: “È una proposta innovativa per il benessere degli animali, per la tutela dell’animale che si smarrisce e contro l’abbandono. Il consiglio comunale dovrebbe approvare l’8 febbraio un nuovo regolamento restrittivo nella tutela degli animali e in questo contesto ho riesumato la mia proposta di iscrivere all’anagrafe i cani come si fa con i cittadini normali, proposta per la quale, però, ci vuole una legge del Parlamento“. Voi cosa ne pensate?

0 thoughts on “Animali: inserirli nello stato di famiglia contro gli abbandoni

  1. @efisio+cocco: purtroppo temo che invece sia come si dice nell’articolo… che possano approfittarne solamente per aumentare le tasse. in fondo, coloro che vogliono il cane SAREBBERO obbligati a chipparlo. E invece gli “indegni padroni” non lo fanno. chi ti dice che inseriranno poi il cane nello “stato di famiglia”?
    poi vabbè, ci sono anche i casi all’altro estremo… qui da me ad esempio se il cane rieswce a fare una scappatella (ad esempio per via delle cagnette in calore, o perchè spaventato dai fuochi d’artificio o semplicemente perchè trova un cancello aperto) e te lo accalappiano -nonostante tu magari sia in giro disperato a cercarlo e sia dotato di chip regolare etc etc- ti appioppano una multa da 300 euro così per sport…

  2. ottima idea! Sarà però necessario stare molto attenti per evitare possibili aggravi economici e burocratici verso coloro che amano e rispettano gli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *