Animali abbandonati: in Italia sono circa 600mila

animali abbandonati
Come ogni estate, ormai, ci ritroviamo a parlare di loro: cani e gatti abbandonati. Purtroppo il fenomeno tipicamente estivo coinvolge tutta la penisola, dal nord al sud. Sono tantissimi e contarli è un’impresa. Tra associazioni no profit, canili comunali e privati e strade (perchè sì, la stragrande maggioranza sono randagi, fenomeno particolarmente pronunciato al sud Italia) se ne contano circa 600mila. Troppi. E per fortuna che esistono i volontari, volti a prendersi cura degli amici a quattro zampe in maniera totalmente gratuita e permettono loro di vivere con minore tristezza questa prigionia chiamata abbandono.

Molti responsabili di canili, sul fenomeno dell’abbandono ci hanno marciato alla grande: considerando che per ogni cane il contributo giornaliero arrivava da un minimo di 2 a un massimo di 7 euro, hanno preso l’attività più come un’impresa che come un atto d’amore verso gli animali. Da qui il passo verso la delinquenza è breve: spesso si sentono al telegiornale di canili-lager dove gli animali sono tenuti in condizioni pessime, decisamente al risparmio.
 
Per fortuna però che con le nuove tecnologie i veri amanti degli animali si fanno sentire: su internet sono attivi molti siti web. Troviamo www.misha.cc dove è possibile adottare i cani abbandonati. Ma ci sono decine e decine di portali dedicati appositamente agli amici animali in cerca di una famiglia pronta ad amarli e a farli sentire speciali.
 
Per quanto riguarda invece le campagne di sensibilizzazione contro l’abbandono, questa estate è stata attivata l’iniziativa “Io l’ho visto” portata avanti da Prontofido in collaborazione con Radio 105, Radio Monte Carlo, Virgin Radio, Radio Bau & Co e Aidaa: si tratta di mandare un SMS ad un numero d’intervento (3341051030) ogni qualvolta si trovi un cane abbandonato in autostrada. Per chi invece ama il cinema, imperdibile a partire dal 13 agosto sarà la commedia “Sansone“, incentrata sul tema delle vacanze con gli amici animali e l’adozione di cani senza padrone.

0 thoughts on “Animali abbandonati: in Italia sono circa 600mila

  1. mi piacerebbe sentire anche una pubblicità sù: NON ABBANDONATE I VOSTRI VECCHI PORTATELI IN VACANZA CON VOI… NON ABBANDONATELI ALLA CASA DI RIPOSO,, LORO VI HANNO DATO LA VITA ,,FATTO SACRIFICI,,FATE VOLONTARIATO PER PERSONE SOLE ,,,,COME SAREBBE BELLA QUESTA PUBBLICITààààààààà GLI ANIMALI TRATTIAMOLI TALI,,, NON SONO UMANI QUANDO CI ACCORGEREMO DI QUESTO ,,IL MONDO ANDRà AVANTI MEGLIO,,SI STà TRASCURANDO L’UMANITà ,,,,,,

  2. Scusa Loredana, ma non capisco che rapporto ci sia tra l’amore per gli animali e l’abbandono degli anziani.
    Chi abbandona un anziano è egoista, è una persona deprecabile, così come è egoista e deprecabile chi abbandona un animale, non solo perchè ha il coraggio di disfarsi di un essere vivente (e senziente)come fosse una cosa, ma anche perchè va a incentivare il fenomeno del randagismo, che ha alti costi per la nostra società.
    Vogliamo poi parlae di quei cari figlioli che, morti i propri vecchi, accettano con sommo piacere l’appartamento dei genitori e cacciano per strada (o fanno sopprimere) il vecchio gatto o il cagnolino che è stato compagno di vita di quegli anziani?
    Chi rispetta la vita la rispetta in tutte le sue forme.

  3. la risposta che ho ricevuto non è soddisfacente,,io chiedo solo di fare un pò di pubblicità ,,di non abbandonare i disabili gli anziani, di portarli in vacanza con loro tutto quì come fate la pubblicità di non abbandonare gli animali ,,fate un pò di più la pubblicità di non abbandonare gli essere umani,gli animali vanno trattati con rispetto ,,ma sono e rimangono animali,il mondo stà andando in malora appunto perchè non ci si rispetta più tra gli essere umani,oggi un animale viene trattato meglio di un essere umano, questo è sbagliato,,da qualche parte c’è scritto: ama il prossimo tuo come te stesso,, e se non torniamo presto a farlo finirà veramente male,,,non ci sono più valori ,,rispetto,ecc……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *