Home Moda Ecosostenibile Zalando Second Hand, il progetto che piace ai giovani

Zalando Second Hand, il progetto che piace ai giovani

Comprare e vendere abiti usati è sempre di più alla portata di tutti. Da una parte si fa spazio e si allegerisce il proprio armadio, dall'altra si comprano capi di seconda mano con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Ecco perché anche Zalando si è lanciato nel mondo del second hand.

Chi non conosce Zalando? Il colosso mondiale della moda online, torna alla ribalta con il progetto Zalando Second Hand, per acquistare e vendere oggetti di seconda mano. Il mercato del second hand in Italia è in crescita esponenziale, complice una più forte attenzione verso la sostenibilità che si traduce in scelte d’acquisto più consapevoli rispetto all’ambiente e anche rispetto al portafoglio. Vi avevamo infatti già parlato delle migliori app per vendere vestiti usati online.

Generazione Z paladina della moda sostenibile

Pacchi Zalando sorretti da due ragazzi
Foto Zalando

Proprio Zalando fotografa lo stato del second hand attuale attraverso la pubblicazione del report ‘It Takes Two: How the Industry and Consumers Cal Close the Sustainability Attitude-Behaviour Gap in Fashion‘. A livello europeo sono i giovani ad essere paladini della moda sostenibile. Per la cosiddetta Generazione Z (con età tra i 18 e i 24 anni) le aziende sono responsabili di un processo produttivo che tuteli l’ambiente e che generi un impatto positivo. Ad esempio le aziende possono fare scelte per favorire l’inclusività, la restituzione di risorse alle comunità e opportunità lavorative per categorie svantaggiate. Molti degli intervistati hanno dichiarato che preferiscono effettuare acquisti da brand che sposano questo approccio alla sostenibilità, cosa che di fatto diventa una vera e propria motivazione d’acquisto.

Zalando Second Hand, come funziona

Abito in vendita Zalando second hand
Foto Zalando

L’argomentazione su cui puntano tutte le piattaforme di vendita second hand online è la stessa. Hai capi che non indossi? Mettili in vendita. Anche Zalando non si smentisce mettendo a disposizione la propria piattaforma per comprare e vendere capi non indossati oppure usati ma di marca e in ottime condizioni. In cambio Zalando offre un voucher per effettuare nuovi acquisti oppure per donare a due partner del progetto, la Croce Rossa e WeForest. Il packaging di tutti gli acquisti second hand abbandona la plastica a vantaggio della carta riciclata.

Zalando, sostenibilità o greenwashing?

Scatola Zalando con vestiti e accessori
Foto Zalando

È innegabile che l’azienda tedesca si stia rivolgendo ad un pubblico attento alla sostenibilità e che, proprio per incrociarlo, stia proponendo alcune soluzioni più green, come questa legata al second hand. Come ha dichiarato Riccardo Vola, director of Southern Europe di Zalando “L’industria della moda deve guadagnarsi la fiducia dei consumatori ed essere di esempio per loro attraverso una comunicazione semplice ed efficace, motivando a un cambiamento nei comportamenti”. È altrettanto lecito chiedersi quanto iniziative di questo tipo siano effettivamente sostenibili oppure operazioni di greenwashing per strizzare l’occhio al consumatore ma continuare a seguire un approccio consumeristico di acquisto costante di capi e accessori. Probabilmente solo il tempo ci darà la risposta!

  TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: