Home Mobilità Sostenibile Addio Segway, il veicolo simbolo della mobilità sostenibile esce fuori produzione

Addio Segway, il veicolo simbolo della mobilità sostenibile esce fuori produzione

Il Segway uscirà fuori produzione il prossimo 15 luglio, schiacciato da volumi di vendita bassi e dalla difficoltà nella guida che non ha permesso al mezzo di conquistare il mondo della mobilità sostenibile

Doveva rivoluzionare il settore della mobilità sostenibilie, ma la missione non è riuscita tanto il Segway uscirà fuori produzione dal prossimo 15 luglio. Uno dei simboli della mobilità sostenibile, quindi, sparirà schiacciato da un successo mai effettivamente raggiunto.  La causa è da ricercarsi nei prezzi troppo elevati e dai diversi incidenti dei quali, suo malgrado, è stato protagonista. L’iconico monopattino autobilanciato a ruote parallele, quindi, non potrà più essere acquistato lasciando campo liberi ai nuovi mezzi ecologici come e-bike o monopattini elettrici.

La storia del Segway

Inventato da Dean Kamen, il Segway si rivelò ufficialmente al mondo il 3 dicembre 2001 quando fu presentato sugli schermi di Good Morning America. Una novità rivoluzionaria, la definì il suo inventore, ma in realtà non prese mai troppo piede. L’obiettivo ambizioso di Segway al momento del lancio era di vendere almeno 100.000 self balancing scooter all’anno. Invece, in quasi 20 anni, ne sono stati distribuiti appena 140.000, molti meno rispetto alle ottimistiche previsioni. A ostacolare la diffusione del Segway, fuori produzione dal prossimo 15 luglio, è stata, oltre al suo costo proibitivo per molti clienti, anche la difficoltà di guida; chiunque si mette “al volante” del mezzo, infatti, per avanzare deve bilanciare la propria posizione con una specifica angolazione e il mezzo può facilmente sfuggire al controllo causando incidenti.

Leggi anche: Decreto Rilancio, gli incentivi per la mobilità elettrica

Proprio da un incidente è iniziato il lento declino, quello del suo proprietario, finito in un dirupo mentre era alla guida del Segway. Tra gli incidenti di cui il Segway è stato protagonista, ci sono anche quello all’allora presidente Usa George W. Bush mentre era in vacanza nel Maine nel 2003 e quello a un cameraman che investì Usain Bolt al termine di una gara nel 2015. Proprio nel 2015, poi, la vendita ai cinesi di Ninebot quando già sembrava un mezzo ormai superato, utilizzato soprattutto dalla security dei centri commerciali e dai tour operator. Da quel momento in poi il lento declino del Segway, costretto ora a cessare la produzione diventando il simbolo di una mobilità sostenibile che fa ancora fatica a svilupparsi.

Potrebbe interessarti anche: monopattini elettrici, guida all’acquisto e le regole da rispettare