Randagismo, sorella di Tremonti: "cani vanno soppressi"

sorella tremonti randagismo
Dichiarazione shock quella fatta dalla sorella del Ministro Tremonti, che di nome fa Angiola Tremonti, per combattere il randagismo: abbattere i cani. La donna, che è consigliere comunale di minoranza nella cittadina di Cantù, ha alzato un polverone infinito per queste affermazioni sconsiderate. Precisamente, la donna ha detto: “Si dovrebbe arrivare a prendere la decisione per cui gli animali che non vengono adottati entro un determinato periodo di tempo vadano soppressi, visto che oggi ci troviamo in una situazione in cui ci sono famiglie canturine che non hanno da mangiare“.

La signora, in particolare, si riferiva alla situazione precaria del canile nel comune di Mariano Comense, per il quale il comune di Cantù versa 18mila euro all’anno a titolo di contributo. Di tutta risposta, i gestori del rifugio per cani abbandonati hanno subito protestato definendo la proposta “paranazista”. A spalleggiarli, gli immancabili animalisti e associazioni a protezione degli animali che hanno aiutato a mettere sulle gabbie striscioni con scritto “Tremonti: io voglio vivere“.
 
Questa dichiarazione della politica assomiglia tanto alla proposta di un consigliere sardo che voleva bruciare i cagnolini randagi. Siete curiosi di sapere cosa ha risposto la sorella di Tremonti alla protesta? “Non possiamo uccidere tranquillamente i polli da mangiare e scandalizzarci per i randagi da sopprimere“. Qualcuno dovrebbe spiegarle che i polli vengono uccisi (ahimè!) per la nutrizione umana, mentre i cani solo per la crudeltà umana.

0 thoughts on “Randagismo, sorella di Tremonti: "cani vanno soppressi"

  1. il canile di mariano comense e´uno dei canili piu´ben tenuti che abbia avuto opportunitá di visitare. Meno male che la signora e´consigliere di minoranza.. e visto che adesso dice di amare gli animali potrebbe aiutare il canile con donazioni e/o adozioni invece che fare queste sparate perche´non le presentano i conti da verificare. Che schifo !

  2. Sai quanti soldi avrebbe in più lo stato per sfamare quelle famiglie senza uccidere nessun povero cane senza colpa se licenziassero (o anche peggio) un bel po di questa gente con queste idee stupide???
    Le faccio una domanda… se suo figlio non adava bene a scuola entro la 3a media lo faceva sopprimere??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *