Cosa fa morire i pesci rossi? Gli errori frequenti

pesce rosso morto errori
(Hans Braxmeier - Pixabay)

Cosa fa morire i pesci rossi? Probabilmente ve lo siete chiesto se vi è capitato di trovare il vostro piccolo amico galleggiare sull’acqua privo di vita, senza motivo apparente.

È credenza comune che i pesci rossi siano animali che non necessitano di particolari cure, al contrario di altri animali domestici, ma è proprio per questo motivo che spesso incorriamo in errori fatali nella loro cura. Se posti nelle condizioni ottimali, infatti, i pesci rossi possono vivere addirittura fino a 20 anni. Quali sono dunque questi errori frequenti?

Gli errori comuni nella cura del pesce rosso

pesce rosso errori frequenti acquario
(Siva prasad – Pixabay)

Partiamo dalla manutenzione dell’acquario: un pesce rosso completamente sano può risentire delle condizioni in cui vive, arrivando a morire se queste non sono ottimali. Per questo motivo attenzione all’igiene della vasca e alla pulizia del filtro. No alle classiche bocce da pesce rosso. Queste sono spesso troppo piccole e non contengono abbastanza acqua per una corretta ossigenazione del nostro pesce.

Potreste infatti aver visto alle volte il vostro pesce rosso saltare fuori dalla boccia o la vasca in cui sin trova. Sta semplicemente esplicitando il bisogno di un ambiente più grande o più salutare. Magari l’acqua non è sufficiente o non abbastanza pulita. Cogliere questo segnale potrebbe evitare la morte del pesce.

Leggi anche: Anguria, è pericoloso mangiare i semini all’interno?

Non esagerare con il cloro, un suo eccesso nell’acqua infatti, può portare alla morte del pesce rosso nel giro di alcune  ore o addirittura minuti. L‘acqua poi va cambiata regolarmente e mantenuta a una temperatura che non sia troppo alta, superiore circa ai 24°C, ma neppure troppo bassa, quindi sotto i 15°C.

Leggi anche: Giardino, cane e tartarughe possono coesistere?

Altro errore frequente è un’inadeguata alimentazione del pesce. I pesci rossi infatti sono tendenzialmente ingordi e se non si presta attenzione tendono a mangiare più del dovuto, con conseguenti problemi che possono portarli alla morte. Inoltre il cibo in eccesso tende ad accumularsi nell’acquario, rendendo l’ambiente sporco e meno salubre. Nutrire il pesce rosso una volta al giorno è più che sufficiente. Infine, raramente la morte improvvisa del pesce rosso è dovuta a malattie. Attenzione dunque all’acqua, alla pulizia e all’alimentazione per evitare errori fatali per il nostro pesce rosso.