Home Animali Animali del bosco: tutti gli esemplari

Animali del bosco: tutti gli esemplari

40
Lupo
Gli animali del bosco sono vari e appartengono a specie differenti. Diverse sono anche le loro abitudini, in relazione anche all’ambiente in cui si ritrovano a vivere. Il bosco presenta una grande biodiversità e si presta bene ad essere abitabile da tutti quegli esemplari che sono alla ricerca di cibo e rifugio. E’ molto interessante conoscerne abitudini e comportamenti. Vediamone insieme una carrellata.

Scoiattolo
Lo scoiattolo ha occhi scuri e rotondi e riesce a vedere anche in condizioni di semioscurità. Viene da tutti ritenuto simpatico. In effetti non è aggressivo, anche se si dimostra piuttosto schivo, in quanto non ama molto il contatto con gli estranei. Gli alberi e i loro frutti costituiscono una fonte di nutrimento, visto che questo animaletto si ciba prevalentemente di nocciole, noci e pinoli. Per mangiare si aiuta con le zampe anteriori e con gli incisivi, piuttosto utili nel riuscire a togliere la buccia dalla frutta.

Lupo
La distribuzione del lupo era omogenea in Europa, ma l’habitat del lupo negli ultimi tempi si è ristretto. In Italia comunque ne troviamo esemplari in Abruzzo e in Calabria e sull’Appennino. A poco a poco i lupi stanno colonizzando di nuovo anche le Alpi. Sono soliti vivere in ampi spazi e in branco, all’interno del quale esiste una precisa gerarchia. I piccolo possono lasciare il gruppo già dopo uno o due anni.

Camoscio
Quello del camoscio rappresenta un perfetto esempio di come un animale si adatti, anche nel proprio corpo, all’ambiente in cui vive. Le sue zampe, infatti, sono robuste e non hanno clavicole, in modo da consentirgli di saltare facilmente lungo le pareti rocciose. Il mantello è formato da due tipi di pelo, che riesce a proteggerlo nelle condizioni climatiche difficili e nelle forti escursioni termiche. Fra il maschio e la femmina non ci sono molte differenze nello sviluppo delle caratteristiche corna, tuttavia i maschi hanno alla base di esse un diametro maggiore. Durante il periodo della riproduzione sono soliti sfregare le corna contro gli alberi. Il camoscio è erbivoro, ma il suo regime alimentare varia in base alle stagioni. Nel corso dell’estate può nutrirsi anche di muschi e di licheni.

Riccio
Il riccio si distingue per gli aculei che ricoprono il suo corpo. Con esattezza essi si trovano distribuiti sul dorso e sul ventre, mentre vengono lasciati liberi le zampe e la faccia. Ha abitudini notturne e, durante il giorno, se ne sta a riposare nella tana, che generalmente viene scavata sottoterra. In inverno va in letargo, per poi risvegliarsi a marzo e rimanere attivo fino al mese di novembre.

Orso bruno
L’orso bruno nella nostra penisola un tempo era diffuso ad est degli Appennini. La caccia eccessiva e il bracconaggio hanno portato alla riduzione degli esemplari. In effetti, attualmente in Abruzzo è presente solo una popolazione isolata di orsi. Da adulti non mostrano alcun timore di scontrarsi con altri predatori: riescono ad affrontare, anche singolarmente, branchi di lupi e felini, sottraendo ad essi le prede.