Marea nera Golfo del Messico, BP forse non è colpevole

marea nera golfo messico
Dichiarazioni shock provengono dall’America: a quanto pare a provocare la marea nera nel Golfo del Messico non è stata la BP. O meglio, questa è l’ipotesi a cui si sta indagando il Dipartimento di Giustizia (DOJ). La verità è che non ci sono prove schiaccianti che determinano la piena responsabilità della British Petroleum, dunque, il caso per la legge va riaperto. Tral’altro dopo questa dichiarazione, le azioni della società sono aumentate del 2%.

Peter Hitchens, azionario della Panmure Gordon & Co., è molto fiducioso riguardo questa temporanea sentenza: “Il rapporto della Commissione Nazionale è un altro spiraglio di luce per BP. Non possiamo incolpare solo BP, e comunque non ci sarà una valutazione di colpa grave“. Da qui, siamo sicuri, partiranno una trafila di polemiche – specialmente delle associazioni ambientaliste – che dureranno tutto il tempo della sentenza e oltre, visto che l’incredibile inquinamento ambientale proviene proprio dalle sue piattaforme.
 
Insomma, quello che è accaduto nel Golfo del Messico sembra una concatenata serie di eventi sfortunat che hanno provocato il disastro ambientale (ricorderete, l’esplosione della piattaforma petrolifera). Forse la società BP, stroncata economicamente, se tutto procede come spera, si potrà risollevare in linea definitiva.

0 thoughts on “Marea nera Golfo del Messico, BP forse non è colpevole

  1. Solo in un mondo governato da soldi, interessi ed ipocrisia come il nostro può succedere che prende fuoco una piattaforma petrolifera provocando un disastro ambientale e la colpa non sia della società che sfruttava quella piattaforma.
    Ma quanto fa schifo il genere umano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *