Home Casa ecologica Generatore eolico: funzionamento e consigli per casa, camper e barca

Generatore eolico: funzionamento e consigli per casa, camper e barca

I grandi impianti eolici sono ormai molto comuni e riconoscibili grazie alle alte pale visibili da grande distanza, ma negli ultimi anni si stanno diffondendo anche gli impianti eolici domestici, detti anche minieolici o microeolici. Vediamo di cosa si tratta.

L’energia eolica è una risorsa sempre più sfruttata in tutto il Mondo. Il vento permette di generare energia pulita con un’ottima efficienza. Il cuore di un impianto eolico è il generatore eolico, ovvero lo strumento che consente di trasformare l’energia cinetica in energia elettrica. I grandi impianti eolici sono ormai molto comuni e riconoscibili grazie alle alte pale visibili da grande distanza. Tuttavia negli ultimi anni si stanno diffondendo anche gli impianti eolici domestici, detti anche minieolici o microeolici. La differenza principale che di solito caratterizza questo tipo di impianti, oltre ovviamente alle dimensioni, è lo sfruttamento di un generatore eolico verticale, anziché orizzontale.

Generatore eolico verticale: funzionamento

Generatore eolico funzionamento
Foto Shutterstock | Tahoo

Un generatore eolico, sia orizzontale che verticale, converte l’energia cinetica del vento in energia elettrica. Il vento infatti colpisce le pale e le mette in rotazione. Le pale sono collegate a un mozzo che inizia a ruotare intorno al proprio asse. La struttura composta da pale e mozzo è chiamata rotore. Il rotore è collegato a un albero di trasmissione che trasmette il movimento a un generatore di corrente elettrica.

Nel generatore si produce corrente elettrica che può essere trasmessa alla rete oppure immagazzinata in batterie. Il generatore eolico verticale, ovvero con asse di rotazione verticale rispetto al terreno, è un tipo di macchina eolica con poche parti mobili. Questa caratteristica gli permette, al contrario dei classici generatori ad asse orizzontale cui siamo abituati, di poter sfruttare qualsiasi direzione del vento. Inoltre questo tipo di generatore ha anche una maggiore resistenza alle raffiche improvvise.

LEGGI ANCHE: Eolico ad alta quota: energia pulita dagli aquiloni

Impianto eolico domestico: conviene?

La prima cosa da fare se si pensa di investire in un impianto eolico domestico è quella di verificare la ventosità del luogo dove si intende installare la turbina. Il generatore eolico, infatti, non funziona con venti inferiori ai 5 m/s e risulterebbe inutile installarlo in assenza di un vento quasi sempre superiore a tale velocità. Ci sono diversi siti web che offrono la possibilità di scoprire se il luogo in cui viviamo è adatto o meno.

In Italia le zone in cui conviene installare un generatore eolico sono principalmente quelle costiere o montane, mentre nelle città i venti sono quasi sempre insufficienti. Bisogna anche scegliere il punto più adatto del giardino, del terrazzo o del tetto in cui installare la turbina. Esistono diverse offerte di impianti eolici domestici, sia ad asse verticale che orizzontale, che permettono di produrre diverse quantità di energia. L’installazione di un impianto minieolico, se le condizioni lo permettono, può portare a un grande risparmio sui costi dell’energia elettrica.

I kit Fai da Te

Se non ci si vuole affidare a dei professionisti per l’installazione dell’impianto eolico domestico, sono disponibili diversi kit per realizzare un impianto eolico “fai da te”. Di solito i kit comprendono soltanto gli elementi fondamentali: un generatore eolico, un inverter (per trasformare l’energia da continua in alternata e viceversa), delle batterie per l’accumulo di energia e un regolatore di carica.

Tuttavia per una corretta installazione bisogna procurarsi anche altri componenti, molto spesso non inclusi nei kit: un palo di sostegno della turbina eolica, cavi di sicurezza per ancorare il palo, una base solida per il palo e cavi elettrici di collegamento. Anche in questo caso è chiaramente necessario scegliere accuratamente la posizione in cui installare l’impianto e, in caso di generatore orizzontale, anche la direzione prevalente del vento che corrisponderà all’orientazione della turbina.

LEGGI ANCHE: Come costruire un impianto eolico domestico

Generatore eolico per camper e barca

Esistono anche delle versioni di generatori eolici appositamente progettate per camper e barche. Nel caso del camper la convenienza è abbastanza relativa, a meno che non si trascorrano lunghi periodi in luoghi molto ventosi. La barca invece è il luogo ideale per installare un piccolo impianto eolico. Un generatore eolico per barca deve avere alcune caratteristiche fondamentali:

  • essere costruito con materiali idonei all’utilizzo in mare (resistenti a sale e acqua)
  • avere una buona capacità di generare energia anche con basse velocità del vento
  • resistere bene a venti molto forti
  • essere silenziosi.

Con ciò speriamo di aver fugato ogni vostro dubbio e curiosità sul funzionamento e sulla possibilità di installare un generatore eolico per la vostra casa, camper o barca.