Emissioni: il materiale che assorbe co2

materiale che assorbe co2

materiale che assorbe co2
La notizia di un materiale che assorbe co2 arriva dall’università di Sydney dove l’equipe di ricercatori guidata dalla professoressa Deanna D’Alessandro è riuscita a creare in laboratorio un materiale simile ad una spugna in grado di assorbire l’anidride carbonica in eccesso con cui il pianeta convive; causa principale del buco dell’ozono e dei cambiamenti climatici, l’abbattimento delle emissioni di co2 è una priorità a livello globale.
Il nuovo materiale è resistente e capace di assorbire le emissioni come se fosse una spugna, si tratta di cristalli cavi che filtrano e catturano i gas di emissione come l’anidride carbonica. La professoressa D’Alessandro spiega: “I cristalli sono composti da fasci di atomi metallici carichi legati tra loro da gruppi di base carbonica. Le strutture molecolari sono simili a quelle delle conchiglie e di microscopiche piante marine dette diatomee. Per questo il nuovo materiale può sostenere l’ambiente umido e caldissimo dei condotti di emissione di una centrale a carbone. Ciò significa che potrebbe essere usato per catturare in maniera reversibile, e poi liberare, la CO2. Il gas può essere successivamente rigenerato e riutilizzato”.
 
Come si intuisce facilmente le centrali a carbone, una delle fonti principali dell’inquinamento atmosferico, sono particolarmente attratte da questa tecnologia; attualmente una percentuale variabile tra il 25 e il 40% dell’energia che producono viene utilizzata per catturare la co2 emessa. Grazie a questi nuovi cristalli e a questa nuova tecnologie potrebbero ridurre il consumo energetico.
 
Siamo di fronte ad una nuova possibilità che la scienza e la tecnologia ci offrono per sostenere l’ambiente e diminuire l’impatto ambientale di determinati processi. Rimane a noi saper sfruttare queste opportunità per creare un futuro migliore, con meno inquinamento e più sostenibile.