Home Comportamenti Come disinfettare la mascherina in modo efficace (e sicuro)

Come disinfettare la mascherina in modo efficace (e sicuro)

Le mascherine continueranno a far parte della nostra quotidianità ancora per un po'. Vediamo quindi come disinfettare la mascherina chirurgica, in stoffa o con filtro in maniera sicura per noi e per gli altri.

La mascherina ormai è entrata a far parte della nostra quotidianità: è infatti obbligatorio indossarla in tutti gli ambienti pubblici per proteggere se stessi e gli altri dal rischio di contagio da Coronavirus. La scelta quindi su quale mascherina acquistare è diventata fondamentale, sono soprattutto coloro che lavorano a contatto con il pubblico che devono indossarla per parecchie ore, di conseguenza, ad aver bisogno di un buon prodotto che sia realmente efficace. Come per esempio le mascherine in vendita presso lo store del portale benessere Tantasalute.it che sono certificate CE e acquistabili anche in comodi (e convenienti) multipack.

Banner mascherine Tanta Salute Shop
All’inizio della Fase 2, quando furono rese obbligatorie, era davvero un’impresa trovarle in commercio e disinfettare la mascherina per riutilizzarla era quasi una scelta obbligata; ora si tratta più che altro di una scelta volta al risparmio e alla sostenibilità ambientale, a patto che ciò non pregiudichi la nostra salute e quella degli altri. Vediamo quindi come igienizzare le mascherine per usarle nella nostra quotidianità.

Come disinfettare le mascherine chirurgiche

Spesso ci si chiede se e come disinfettare le mascherine usa e getta, le più comuni in circolazione. La capacità filtrante di questi dispositivi è del 95% circa verso l’esterno. Questo vuol dire che chi le indossa è poco protetto ma evita di esporre gli altri ad un eventuale contagio. Si tratta di dispositivi rigorosamente monouso, come specificano anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute. In caso di necessità, però, si possono sanificare e riutilizzare, facendo però attenzione che non risultino danneggiate.

MASCHERINE: QUALI USARE?

La procedura per disinfettare mascherine monouso prevede:

  • lavarsi bene le mani;
  • togliere la mascherina prendendola dagli elastici, facendo attenzione a non toccarne la parte esterna;
  • lavare di nuovo le mani e indossare un paio di guanti monouso;
  • appoggiare la mascherina su una superficie disinfettata e spruzzarla in maniera uniforme con alcool al 70% o con disinfettante spray per mascherine, facendo attenzione a disinfettare anche gli elastici ma senza bagnarla troppo;
  • ripetere l’operazione sull’altro lato;
  • lasciar asciugare per una mezz’ora in un posto protetto;
  • conservare la mascherina sanificata in una busta di plastica fino al momento di utilizzarla.

Questa procedura può essere ripetuta al massimo 2 o 3 volte, ovviamente in assenza di danni macroscopici alla mascherina che metterebbero a rischio la nostra salute e quella di chi ci sta intorno.

Come sterilizzare le mascherine di stoffa

Come lavare le mascherine di stoffa e riutilizzarle senza rischi? Il procedimento, in questo caso, è più semplice di quello che sembra. È la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità a specificare come disinfettare le mascherine di stoffa. È sufficiente un normale ciclo di lavaggio in lavatrice per eliminare il virus dal tessuto, dal momento che si tratta di un virus con involucro e che quindi è molto sensibile ai detergenti. Basta quindi un normale detersivo, di quelli normalmente usati a livello sia domestico che industriale, a “rompere” l’involucro del virus e a pregiudicarne la capacità di essere infettivo. La temperatura dell’acqua quindi non ha molta importanza, a patto che si usi un detersivo. Se si preferisce lavare le mascherine di stoffa, e in particolare di cotone, a temperature elevate non ci sono problemi, anzi, è un fattore che può offrire una ulteriore garanzia di una sanificazione efficace.

Come disinfettare le mascherine

Esistono anche le mascherine FFP1, FFP2 ed FFP3. Prevedono le versioni senza valvola, che riducono al minimi il rischio di contaminare ed essere contaminati, e con valvola, che proteggono chi le indossa ma tutelano meno chi ci sta intorno. Sono realizzate con un particolare tessuto filtrante e le sigle indicano la diversa capacità di filtraggio delle particelle. Se usate nel modo corretto sono le mascherine che proteggono maggiormente. Hanno però lo “svantaggio” di aderire strettamente al viso di chi le indossa e quindi di non riuscire ad essere tollerate per lunghi periodi.
Per disinfettare le mascherine con filtro si possono seguire i passaggi illustrati per disinfettare le mascherine chirurgiche oppure si possono esporre i due lati della mascherina ad una temperatura superiore ai 60°. Si può ad esempio utilizzare il phon o il vapore del ferro da stiro, avendo però cura di non avvicinarli troppo alla mascherina per non danneggiarla. Sarebbe bene non ripetere questa operazione per più di due o tre volte, evitando di utilizzare la mascherina se risulta rovinata.

MASCHERINE FFP2 E FFP3: QUALI SONO LE DIFFERENZE?

Alcune avvertenze per disinfettare la mascherina

Quasi tutte le mascherine in commercio sono progettate per essere usate in sicurezza una sola volta. Se intendete disinfettare mascherine chirurgiche, in stoffa o con filtro, assicuratevi di farlo nella maniera corretta e seguendo alcune indicazioni:

  • non usare la mascherina sanificata in casi di danni o alterazioni evidenti;
  • non toccare per nessun motivo il lato interno della mascherina;
  • evitare di appoggiare la mascherina disinfettata su superfici non igienizzate.

Banner mascherine Tanta Salute Shop

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: