Home Agricoltura Girasole in vaso: i consigli utili per la coltivazione in terrazzo

Girasole in vaso: i consigli utili per la coltivazione in terrazzo

Una breve guida per coltivare in vaso i girasoli e i trucchi per curarli al meglio. Tutti i consigli utili per far crescere rigoglioso questo fiore solare che con i suoi colori brillanti riempierà di gioia il nostro terrazzo. Semina, cura, esposizione e raccolta dei semi: scopriamo tutte le informazioni utili sulla coltivazione dei girasoli in vaso.

Vi piacerebbe poter ammirare un bel girasole in vaso sul vostro balcone e state cercando dei consigli sulla semina e su come far crescere al meglio questo splendido fiore annuale? Seguiteci e scoprirete come riuscire nel vostro proposito di coltivare girasoli giganti e nani in vaso!

Far crescere una pianta di girasole in vaso è possibile, ma dovete tenere presente che la condizione ideale per la coltivazione dei girasoli sarebbe direttamente nella terra, ad esempio in un giardino battuto sempre dal sole. Tuttavia, anche la pianta di girasole può crescere e prosperare per la gioia dei nostri occhi, a patto di seguire alcuni importanti accorgimenti. Di seguito spieghiamo infatti tanti trucchi sulla coltivazione e sulla cura del girasole, partendo dal principio, ossia dalla semina. Le informazioni che vi diamo valgono sia se avete deciso di piantare girasoli giganti, sia se avete deciso di piantare semi di girasole nano. Ovviamente le due diverse tipologie di piante di girasoli avranno bisogno di cure differenti nella coltivazione e nell’annaffiatura. Spiegheremo tutto nelle pagine sotto, che vi consigliamo di leggere attentamente prima di cimentarvi nella coltivazione dei girasoli.

Dal momento che bisogna seguire metodi particolari per ottenere la perfetta fioritura di queste piante anche nei vasi, vediamo nel dettaglio come piantare e curare i girasoli al meglio per avere piante sane e belle anche sul nostro terrazzo o balcone. Andiamo allora alla scoperta del mondo dei girasoli in vaso, con la nostra guida approfondita che vi svelerà come coltivare girasoli belli e perfetti per dare un tocco di colore e portare allegria nelle vostre case.

Coltivazione ed esposizione del girasole in vaso

Girasole in vaso: come coltivare il girasole in vaso
Foto Shutterstock | Choco Love

Il PH del terriccio usato nella coltivazione del girasole è molto importante poiché i girasoli preferiscono un terriccio acido (sono piante cosiddette acidofile) con un PH compreso fra 6 e 7,5. Potete eventualmente arricchire il terreno con un compost acido, se il PH è inferiore a 6. Come abbiamo già accennato in precedenza, per avere delle piante sane e vigorose è fondamentale che i fiori di girasole rimangano in pieno sole. Quindi, per la coltivazione, va privilegiata un’area piuttosto aperta, terrazzo o balcone sono perfetti per lo scopo. Allo stesso tempo, però, dovete tenere presente che le piante di girasole temono il vento. Dunque dovete anche provvedere correttamente nel trovare un punto della vostra terrazza o del vostro balcone che sia ben protetto dal vento. Per esempio potete posizionare il vaso con i girasoli lungo il bordo di una staccionata.

Passiamo poi alla concimazione della pianta del girasole in vaso. Tenete presente che il terreno deve essere ricco di sostanze nutritive, oltre a essere ben drenato. Scegliete un terriccio non argilloso, ricco di letame oppure – in alternativa – potete usare dei fertilizzanti organici per aiutare la crescita dei girasoli. Preparate la quantità indicata sulle indicazioni del concime che avete scelto. L’importante è che sia un concime liquido con tanto azoto e potassio con microelementi. Mettete poi il concime sopra la zona di semina e provvedete ad innaffiare accuratamente, ma senza esagerare, perché il terreno deve soltanto rimanere umido. 

I girasoli non hanno bisogno di cure particolari, ma possono essere attaccati da malattie e parassiti. Come ad esempio la ruggine, che attacca le foglie ingiallendole, e la muffa grigia. Quest’ultima è visibile, in genere, su tutta la pianta, anche sugli steli, e può portare alla morte prematura del girasole. Anche le malattie fungine possono fare male al girasole. Se volete scegliere metodi naturali per combatterle potete spruzzare sulle piante dei macerati di aglio, degli estratti di equiseto, delle miscele di sapone di Marsiglia oppure a base di bicarbonato di sodio; tutti rimedi di una volta che sono utili per la cura del nostro fiore solare.