Impatto ambientale

10 falsi miti sulle pale eoliche

falsi miti sulle pale eoliche

Vediamo alcuni falsi miti sulle pale eoliche. Spesso si discute sull’utilizzo di questa forma di energia alternativa. Senza dubbio si tratta di energia pulita, che ha tutte le carte in regola per garantire un giusto rispetto dell’ambiente. Le discussioni derivano soprattutto dal credere che il meccanismo delle pale eoliche possa provocare dei danni alla salute. A questo proposito si sono fatti diversi studi, che hanno messo in evidenza come spesso rimaniamo vittime di alcune convinzioni sbagliate. Esaminiamo alcuni concetti, che andrebbero chiariti, per usufruire senza preoccupazioni di questa forma di energia alternativa.

Leggi l'articolo

Pellicce tossiche in capi per bambini: la denuncia della Lav

pellicce tossiche in capi per bambini

Pellicce tossiche in capi per bambini: a denunciare la questione è stata la Lav, che ha segnalato la presenza, in alcuni vestiti, di sostanze pericolose. In particolare sarebbero state individuate tracce di formaldeide, di cromo esavalente e di nonilfenolo etossilato. Queste sostanze nocive, in quantità superiore ai limiti di legge, sarebbero state trovate soprattutto nei bordi di pelo di alcuni giacconi. Secondo quello che ha denunciato la Lav, i capi di abbigliamento sarebbero destinati anche a bambini con un’età inferiore a 36 mesi. Non è la prima volta che la Lega Antivivisezione si occupa di denunciare la presenza di sostanze pericolose nei bordi di pelliccia di alcuni capi anche di note marche italiane, che mettono a punto prodotti destinati soprattutto al settore del lusso e a quello del bambino.

Leggi l'articolo

Accessori ecologici per bambini: 10 prodotti da non perdere

accessori ecologici per bambini

Gli accessori ecologici per bambini sono dei prodotti pensati appositamente per rispondere alle esigenze dei più piccoli e dei loro genitori, ma allo stesso tempo per rispettare l’ambiente. Una ecomamma, fin dal principio, a partire dai primi mesi del bambino, può educarlo a farlo crescere nella piena consapevolezza della salvaguardia ambientale. Bastano pochi gesti quotidiani, per realizzare questo obiettivo. Invece di lasciarci prendere dalle spinte consumistiche, abituiamoci a scegliere bene.

Leggi l'articolo

Batterie al litio green? Esistono già!

Batteria litio green

Batterie al litio green? L’alternativa “verde” si basa su erba medica e resina di pino e promette ottime prestazioni e la possibilità di essere riciclata! Le batterie al litio sono, attualmente. quelle più comuni e più diffuse nell’ elettronica di consumo, le troviamo per esempio per laptop e telefoni cellulari, ma le risorse di litio estraibile sono limitate, esauribili ed il recupero di questa sostanza dalle batterie esauste è dispendioso e complicato.

Leggi l'articolo

10 prodotti di uso quotidiano che causano la deforestazione

prodotti deforestazione

Alcuni prodotti di uso quotidiano possono causare la deforestazione o almeno contribuiscono a determinarla. Forse non tutti ne siamo consapevoli, ma la produzione di alcune cose che usiamo comunemente può danneggiare fortemente l’ambiente, per l’impatto che ha sul pianeta. Se siamo mossi da un senso di responsabilità, dovremmo essere più consapevoli di tutto questo, in modo da poter compiere le nostre scelte anche nel senso di un più sentito rispetto della natura.

Leggi l'articolo

Città sostenibili: le più green del mondo [FOTO]

Città più sostenibili del mondo

Quali sono le città più sostenibili del mondo? Ce ne sono tante e il loro status è stato decretato nell’ambito dell’assegnazione dei City climate leadership award, premi che ogni anno vengono dati proprio ai centri abitati che si distinguono per il loro basso impatto ambientale. Di recente, in particolare, l’associazione One Living Planet si sta adoperando per diffonderne i principi che ne sono alla base.

  • Reykjavik
  • San Francisco
  • Malmo
  • Vancouver
  • Portland
Guarda le foto e leggi l'articolo

Vulcano erutta in Giappone: si teme per la centrale nucleare [FOTO]

cover of 14118905908775427bd9ed60dc

Il vulcano Ontake, in Giappone, ha eruttato, provocando la morte di alcune persone. Si teme che le vittime siano circa una trentina. Le squadre di soccorso sono al lavoro per la ricerca dei dispersi. Alcuni di questi sono stati già trovati, infatti i soccorritori sono riusciti a trasportare 27 corpi intrappolati sulla cima. I cadaveri sono stati portati in ospedale, dove è stata data conferma del decesso. 42 sono i feriti, che hanno subito varie fratture. Ci potevano essere anche meno vittime, ma i soccorsi sono stati ritardati dalla scarsa visibilità e dai gas tossici che escono dal cratere.

Guarda il video e leggi l'articolo

Marcia per il clima: il 21 settembre 1 milione di persone contro il riscaldamento globale [FOTO]

cover of 1411376612742541fe5e4b535d

La marcia per il clima del 21 settembre ha visto la partecipazione di 1 milione di persone, che sono scese in strada in 159 Paesi del mondo per dire no al riscaldamento globale e per chiedere interventi urgenti a favore di un miglioramento delle condizioni climatiche nel mondo. Grande successo a New York, con la partecipazione anche di alcuni personaggi famosi, ma ottimo riscontro anche nel nostro Paese. A Roma migliaia di persone si sono riunite al Colosseo, per partecipare alla manifestazione.

Guarda il video e leggi l'articolo

Quanto conosci la plastica? [QUIZ]

Quanto conosci la plastica? Ti proponiamo a questo proposito un quiz molto interessante, che ha l’obiettivo di mettere alla prova le tue abilità. Non si tratta soltanto di avere delle conoscenze teoriche, ma di sapersi muovere bene nell’ambito dell’uso quotidiano delle materie plastiche. Esse, infatti, costituiscono dei materiali molto usati nella vita di ogni giorno. Sai distinguerli? Conosci tutte le opportunità che puoi mettere in atto per quanto riguarda il riciclo della plastica, per contribuire attivamente alla salvaguardia dell’ambiente? Non devi fare altro che rispondere alle domande che visualizzi sullo schermo del computer. Per facilitarti abbiamo inserito anche delle opzioni di risposta, in modo che tu possa fare la scelta più giusta. Cosa aspetti a vedere quanto ne sai sull’argomento?

La tua camera è davvero green? Scoprilo con un test

La tua camera è davvero green? Ti proponiamo un test molto simpatico proprio sull’argomento. E’ un test gratis molto facile da eseguire. Non devi fare altro che prendere in considerazione le tue abitudini ed esaminarle? Soltanto in questo modo puoi effettuare una riflessione sui tuoi eventuali atteggiamenti ecocompatibili. Si tratta di utilizzare materiali ecofriendly, di badare al risparmio energetico, di evitare i campi elettromagnetici. C’è veramente tanto da imparare sull’opportunità di poter disporre di una stanza green a tutti gli effetti. Prova a rispondere alle domande che ti propone questo test e anche tu potrai comprendere fino a che livello di ecosostenibilità si spinge l’arredamento della tua camera e le abitudini collegate al suo utilizzo. Non aspettare ancora: mettiti subito alla prova!

L’olio di palma fa male? Ecco perché evitarlo

Incendio olio di palma

L’olio di palma è un tipo di olio vegetale, ricavato dal frutto che cresce sulle palme da olio, alberi originari dell’Africa Occidentale, ma che crescono ovunque ci sia un clima molto caldo e piogge abbondanti. Al giorno d’oggi, l’85% di tutta la produzione globale dell’olio di palma viene esportato principalmente dalla Malesia e dall’ Indonesia, purtroppo, la maggior parte delle volte, con la totale assenza di misure ecosostenibili.

Leggi l'articolo

Gas serra: scoperto il batterio che li eliminerà

riscaldamento globale foto di The Pix Jochey

Si torna a parlare di gas serra in questi giorni e della recente scoperta di un batterio che potrebbe eliminarli. Il Methylocella silvestris,questo il suo nome, in grado di nutrirsi di gas naturali, potrebbe davvero tornare utile in termini di riduzione dell’inquinamento ambientale sia frenando il riscaldamento globale sia usandolo per assorbire le perdite di origine naturale o artificiali.

Leggi l'articolo

I luoghi più inquinati del mondo: la triste classifica

I luoghi più inquinati della Terra

Luoghi dimenticati da Dio quelli più inquinati della Terra, luoghi in cui vivere diventa una sfida durissima, luoghi in cui l’unica mano imputabile a tale disastro è quella dell’uomo, specchio della sua azione sulla Terra e della preminenza degli interessi economici e del denaro a discapito della tutela dell’ambiente e della salute di persone e animali. Il Blacksmith Institute, in collaborazione con la Croce verde internazionale, ha pubblicato, il 4 novembre del 2013, l’ottavo rapporto annuale che presenta una nuova triste classifica dei primi 10 luoghi più inquinati della Terra.

  • Agbogbloshie, Ghana
  • Chernobyl
  • Citarum river, Indonesia
  • Dzerzhinsk, Russia
  • Hazaribagh, Bangladesh
Guarda le foto e leggi l'articolo

Reati ambientali: 4 nuovi ‘delitti’ che verranno puniti

Reati ambientali: le foto

Sui reati ambientali è stato raggiunto un obiettivo importante, visto che alla Camera è stata approvata una legge, che fa rientrare proprio nel gruppo dei “delitti contro l’ambiente” il disastro ambientale, l’inquinamento, il traffico e l’abbandono di materiale radioattivo e l’impedimento di controllo. Queste tematiche trovano pieno spazio all’interno del codice penale, volendo contrastare con forza i fenomeni di illegalità che sono collegati proprio alla salvaguardia della natura. Il tutto dovrebbe essere accompagnato da un altro impegno importante, che possa comportare la riduzione della burocrazia e il rafforzamento dei controlli.

  • Reati ambientali
  • Ilva di Taranto
  • Fumi dell'Ilva
  • Protesta degli ambientalisti per l'Ilva
  • Protesta dei lavoratori per l'Ilva
Guarda le foto e leggi l'articolo

Carta igienica riciclata: marche, prezzi e dove comprarla

carta igienica riciclata

La carta igienica riciclata rappresenta un’alternativa ecologica per un prodotto che utilizziamo quotidianamente e che incide in maniera pesante sulla sostenibilità ambientale. Ce ne sono di diverse marche, a prezzi anche facilmente accessibili e la possiamo rintracciare anche nelle più grandi catene della distribuzione. Proprio per questi motivi il suo uso dovrebbe essere incentivato, in modo da portare avanti una linea di comportamento in sintonia con il rispetto della natura.

Leggi l'articolo
Seguici