Stufe a pellet, svantaggi da sapere

Stufe a pellet, svantaggi da sapere

Come funziona una stufa a pellet?

Come funziona una stufa a pellet? Se siete alla ricerca di un'alternativa sostenibile, che rispetti l'ambiente, per riscaldare la vostra casa, vi sarete sicuramente imbattuti in questo tipo di novità. Sono in realtà ormai sul mercato da tanti anni, ma solo ultimamente stanno prendendo piede come metodo di riscaldamento innovativo. Nella pratica, in cosa si diversifica il funzionamento delle stufe a pellet rispetto a quelle convenzionali? In realtà è tutto molto semplice e automatico. Aprendo il serbatoio di carico, solitamente una bocchetta in cima alla stufa, basta inserire il combustibile che, attraverso un sistema automatizzato di scivoli, porterà quest'ultimo nel braciere, un piccolo o medio grande contenitore dove avviene la combustione tramite una piccol candela. Il funzionamento è tutto automatizzato. Grazie all'ossigeno e al circuito alla base del braciere, possiamo vedere visivamente il pellet prendere fuoco e riscaldare i nostri ambienti domestici. Per co

FacebookTwitter

Ora che arriva il freddo pungente, cosa c’è di meglio che accendere la stufa a pellet? E’ facile intuire quali siano i vantaggi riconducibili dall’utilizzo delle stufe a pellet: inferiore consumo delle risorse, costi dimezzati, praticità di utilizzo. Ma, come in tutte le cose, esiste anche il rovescio della medaglia.

stufe pellet svantaggi

  • stufe pellet riscaldamento
  • pellet legna mais truciolato
  • stufa pellet disegno tecnico

Il primo degli svantaggi da sapere riguarda il sistema: infatti, le stufe a pellet funzionano con concezione forzata azionata da ventilatore, che contribuisce a seccare l’aria e a smuovere le ceneri, creando conseguentemente un calore meno sano rispetto le stufe a legna. Inoltre, la ventola e la tramoggia che fanno cadere il combustibile all’interno del focolare creano un rumore particolare abbastanza disturbante. Proseguendo, gli amanti delle fiamme vive abituati a camino o stufa a legna rimarranno delusi: infatti, il braciere generato dalle stufe a pellet è meno brillante, col risultato che l’atmosfera creata diventa meno coinvolgente. E se salta l’energia elettrica? Purtroppo, tutto si ferma.

Passiamo ora a descrivere l’installazione della stufa pellet. Se con l’impianto solare l’installazione self-service è pensabile, per le stufe a pellet è assolutamente da evitare: rischiereste di fare più danno che beneficio. Infatti le stufe in questione necessitano di installazione da parte di personale specializzato, che sa come trattarne la particolarità del montaggio. Tanto per fare qualche accenno tecnico: occorre una canna fumaria rigorosamente in acciaio, oltre il colmo dei tetti. Diffidate da chi sostiene che sia sufficiente bucare il muro ed inserire il tubo all’interno dell’alloggio creato, perchè oltre ad essere in errore fa qualcosa di assolutamente illegale. Dopodichè, la canna fumi va innestata con la stufa tramite un tubo a T speciale per la pulizia. Bisogna quindi assumere l’aria comburente dall’esterno, e non montare la stufa in ambienti troppo piccoli.

Alcuni consigli: se la stufa costa poco, probabilmente consuma molta più energia. Controllate sempre la categoria di classificazione sulle etichette (da 1 a 7). infine, assicuratevi di acquistare pellets di ottima qualità e di fare sempre le pulizie del caso. Infatti, questa tipologia di stufa richiede una cura più minuziosa e, nel caso non venisse fatta sufficiente manutenzione, oltre a non ottenere il confort desiderato rischiereste persino l’insorgere di guasti indesiderati.

Immagini tratte da:
arteecalore.it
agriservicesas.it
bricosergio.it

432

Fonte | CASA FELICE

Segui Ecoo

Ven 23/10/2009 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Bricke 23 ottobre 2009 18:38

I miei genitori hanno una stufa a pallet che riscalda l’acqua che va nei termosifoni. Niente ventola quindi.

Rispondi Segnala abuso
Nicola Pirovato 29 gennaio 2010 16:49

Impara a scrivere, documentati prima di scrivere ma se puoi evita di scrivere ancora.

Rispondi Segnala abuso
Pellet 20 marzo 2011 21:18

E’possibile trovare moltissime informazioni utili sul pellet e sulle stufe a pellet su questo sito

http://www.peletitalia.org

Rispondi Segnala abuso
Paolo+Duina+-+Eurobagno 3 agosto 2011 20:22

Sul nostro sito http://www.eurobagno.it troverete tantissime offerte per stufe a pellet Edilkamin, stufe a pellet Piazzetta, camini e caminetti, box doccia e vasche idromassaggio, pavimenti e rivestimenti.
Nel caso in cui non troviate il prodotto da voi cercato, contattateci via mail utilizzando il modulo presente nell’area contatti. Sapremo offrirvi i migliori prodotti ai più bassi prezzi.

Eurobagno Ceramiche
Stufe Pellet Brescia
Stufe Pellet Edilkamin

Rispondi Segnala abuso
5 agosto 2011 12:16

Altri approfondimenti sulle stufe a pellet in questo sito : stufe a pellet
Grazie!

Rispondi Segnala abuso
5 agosto 2011 12:17

Altri approfondimenti sulle stufe a pellet in questo sito : stufe a pellet
Grazie!

Rispondi Segnala abuso
Herman 25 dicembre 2011 00:49

80 centimetri di diametro per una canna fumaria mi sembrano un po troppi,e se dopo anni che l’articolo è su internet non è stato corretto ,qualcosa puzza,e di sicuro non è il pellet.

Rispondi Segnala abuso
Francesco 18 gennaio 2012 11:37

una canna fumaria di 80 cm di diametro ??! mi pare eccessiva…. forse volevate scrivere 80 millimetri ( = 8 cm ) di diametro.

Rispondi Segnala abuso
Paolo 18 gennaio 2012 15:28

Ciao, capito qui per caso e vorrei dire un paio di cosette… possedendone una da diversi anni vorrei chiarire gli svantaggi, come qualsiasi prodotto queste stufe hanno diverse qualità in base al prezzo e all’azienda produttrice, vi posso garantire che la mia è più cara però questi svantaggi non li ho nemmeno da lontano (tranne la corrente ovvio), il rumore è pressochè zero, l’aria è perfettamente umidificata grazie ad un umidificatore interno che volendo, può essere integrato con profumate essenze, per quanto riguarda l’installazzione è un gioco da ragazzi, io l’ho fatta da solo e sono un programmatore industriale, per quello che riguarda la “T” è un ispezione che sarebbe opportuno mettere SEMPRE per facilitare molte operazioni in tutte le stufe, anche a legna, la canna in acciaio è fantastica perchè la pulizia l’ho fatta solo dopo 4 anni giusto per pignoleria e si pulisce benissimo con uno scovolino in platica in pochi minuti, ultimo il pellet… se la stufa è un “mulo” come la mia BRUCIA QUALSIASI QUALITA’ SENZA PROBLEMI, se la stufa vale quanto una pizza… beh auguri con “l’austriaco” super caro…. ciao a tutti.

Rispondi Segnala abuso
Roby 31 agosto 2013 10:30

Ciao Paolo, posso sapere che marca è la tua?

Segnala abuso
Seguici