Quando la tutela ambientale diventa un crimine: Greenpeace racconta la storia di Salvatore Barbera

Quando la tutela ambientale diventa un crimine: Greenpeace racconta la storia di Salvatore Barbera

Avere a cuore la tutela ambientale, preoccuparsi dell’impatto ambientale delle proprie azioni e del nostro Pianeta Terra è, ufficialmente, un reato: ce lo racconta Greenpeace con la campagna di mobilitazione “siamo tutti banditi del clima”, un’iniziativa in difesa dell’attivista Salvatore Barbera

da in Greenpeace, Sostenibilità Ambientale, Sviluppo Sostenibile, Tutela Ambientale, Monitoraggio ambientale
Ultimo aggiornamento:

    greenpeace_banditi_cambiamenti_climatici

    Chi è Salvatore Barbera? L’incipit sembra una delle recenti campagne social (dimostratesi un flop) a cura di uno dei primi partiti politici nazionali, e invece no. Salvatore Barbera (era) è un comune cittadino, con un lavoro stabile che viveva a Roma. Uno come noi, attento alla tutela ambientale e ai pericoli derivati dai cambiamenti climatici. Dal 6 dicembre, però, qualcosa è cambiato: la data non è casuale. Mentre si teneva a Durban la conferenza dell’Onu sul clima, infatti, Barbera partecipava a Roma ad una manifestazione pacifica proprio sul tema dell’attenzione all’ambiente.

    A qualcuno, evidentemente, deve aver dato parecchio fastidio lo striscione “‘Il clima cambia la politica deve cambiare” e ha ben pensato di creare qualche problema a un semplice, comune, ragazzo. Salvatore Barbera, infatti, è tra gli attivisti dell’associazione per l’ambiente Greenpeace che è stato portato in commissariato e lì denunciato per manifestazione non autorizzata.

    Dopo dieci ore, gli è stato notificato il foglio di via. Cosa vuol dire? Vuol dire che come un mafioso, un criminale, o comunque un soggetto pericoloso, gli è caldamente consigliato di non mettere piede a Roma (città dove risiedeva e lavorava) per due anni. Pena l’arresto.

    Tutto ciò, solo per aver sostenuto le ragioni di Greenpeace, le ragioni del Pianeta Terra e per essere andato contro le lobby e i poteri forti, che dell’impatto ambientale di ciò che fanno non gliene frega nulla.

    L’associazione per l’ambiente a cui Barbera è vicino, però, non è rimasta con le mani in mano e ha organizzato questa interessante mobilitazione: siamo tutti banditi del clima, per difendere le ragioni di Salvatore e di chi, come lui, si batte ogni giorno per ridurre i mutamenti climatici e il correlato impatto ambientale.

    photo: kapooka baby

    364

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GreenpeaceSostenibilità AmbientaleSviluppo SostenibileTutela AmbientaleMonitoraggio ambientale
    PIÙ POPOLARI