Panasonic, risparmio energetico e lampade LED

Panasonic Electric e PanaHome Group mettono a punto una casa illuminata da lampade LED e lampade a fluorescenza

da , il

    Una casa illuminata quasi totalmente tramite lampade LED e, per le rimanenze, da lampade a fluorescenza di ultima generazione. E’ questo il frutto della collaborazione tra Panasonic Electric e PanaHome Corp.

    Panasonic si è dimostrata già molto attenta al risparmio energetico con una lampadina a lunga durata, e ora punta ad ottimizzare i consumi domestici. L’impianto di illuminazione dell’abitato, una casa bifamiliare, è stato realizzato come segue: la parte dedicata ad un nucleo familiare senza bambini piccoli prevede 74 punti a lampade LED, mentre l’area che conta la presenza di figli piccoli è illuminata da 25 punti luce LED integrati da 45 luci a fluorescenza.

    L’intento era quello di creare un ambiente quanto più armonico, con il giusto numero di luci alla tonalità che meglio si addice alle necessità degli inquilini dell’abitazione (Panasonic sintetizza il concetto con due parole: “illuminazione sinfonica“). Tutto ciò, tenendo in considerazione il fatto che le lampade LED hanno un costo superiore e un’efficienza energetica e luminosa inferiore rispetto alle più tecnologiche lampade a fluorescenza.

    Al fine di ottenere migliori prestazioni senza aggravare il costo dell’elettricità, la maggior parte dei punti luce dispone di regolatori di intensità dell’emissione luminosa. Per fare un esempio: le lampade che forniscono luce nelle pareti del salotto, diventano meno luminose dal momento che si accende la televisione. Questo per aumentare il contrasto ma anche per ridurre i consumi. Per incrementare il benessere visivo, invece, sono state utilizzate delle luci a resa cromatica maggiore in due punti della casa diversi: in cucina per risaltare le vivande, mentre nel locale sgabuzzino per mettere in evidenza gli oggetti (queste ultime sono lampade a spettro solare).

    Quali sono i vantaggi di questo tipo di illuminazione? Ovviamente, il risparmio energetico. Infatti è’ possibile tagliare dell’ 85% (e oltre) i costi derivati dal consumo di energia elettrica. Bisogna però tenere conto di questa operazione come ad un investimento, dal momento che i costi dell’impianto di illuminazione LED lievitano di tre volte rispetto al normale sistema di alimentazione a lampade ad incandescenza. Il risparmio, quindi, si avvertirà solo nel tempo. Per chi invece punta subito ai risultati, consiglio di dare un’occhiata alle soluzioni a LED organici.

    Immagini tratte da:

    mettivia.it

    angela83.files.wordpress.com

    casa.atuttonet.it