Marea nera: nel Golfo del Messico il 50% del petrolio è ancora in mare

Marea nera: nel Golfo del Messico il 50% del petrolio è ancora in mare

Mentre compagnie petrolifere e governo americano provano a far passare in secondo piano l'orrore causato dalla BP, alcuni scienziati sono convinti che almeno la metà del greggio fuoriuscito quel maledetto giorno di aprile 2010 è ancora in mare

da in In Evidenza, Inquinamento, Inquinamento Mare, Tutela Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    marea nera golfo messico mare

    Altrochè pulizia totale della marea nera: a quanto pare, quasi la metà del petrolio è ancora nel mare del Golfo del Messico. La Casa Bianca, il Congresso, i funzionari di governo e le compagnie petrolifere stanno cercando di lasciarsi alle spalle il disastro petrolifero. Ma sembra che i dati che hanno in mano loro siano discordanti dalle stime che invece hanno in mano altri scienziati. Ai quali, però, non viene dato grande credito.

    Samantha Joye, scienziata e grande amante dell’ambiente, ha voluto vedere con i propri occhi quella che era la situazione attuale dei fondali del Golfo messicano. Sul fondo, racconta, ha trovato qualcosa come un pavimento ricoperto di melma marrone scuro profondo circa 4 centimetri. Il dramma è che animali come i granchi, o altri crostacei, anzichè scappare di fronte al pericolo ne sono rimasti travolti.

    Non tentavano di fuggire, erano semplicemente seduti lì, storditi e stupefatti.

    Di certo non si comportavano come dei granchi normali. Penso che non va oltre l’immaginazione che il 50% del petrolio è ancora lì“. COn quali gravi conseguenze sugli habitat, gli animali e persino le persone che vivono attorno al territorio imbrattato dalla piattaforma esplosa della BP?

    255

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN In EvidenzaInquinamentoInquinamento MareTutela Ambientale
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI