Energie rinnovabili: sfruttare la forza delle onde con Aquamarine Power

Sfruttare l’energia delle onde con Aquamarine Power
La Aquamarine Power ha ottenuto nuovi finanziamenti per poter proseguire lungo la propria strada di sfruttamento dell’energia rinnovabile derivante dalla generazione di elettricità dal moto ondoso. L’energia marina ottenibile con la struttura Oyster (questo il nome dell’impianto creato dalla società), potrebbe pertanto diventare più facilmente – ed economicamente – ottenibile, con indubbi vantaggi sul fronte dell’impatto ambientale e dell’efficienza energetica.

Aquamarine Power si è infatti aggiudicata un ulteriore milione di sterline per cercare di sfruttare nel migliore dei modi la potenza energetica delle onde del mare. L’obiettivo è ovviamente quello di massimizzare l’efficienza energetica con la tecnologia a disposizione, predisporre i piani di sviluppo nel medio termine e raggiungere, così, i presupposti per una commercializzazione industriale del prodotto della compagine.
 
Il denaro di nuovo pervenimento servirà principalmente per incrementare le risorse a supporto della ricerca e dello sviluppo del sopra ricordato Oyster, un dispositivo che converte l’energia cinetica derivante dal moto delle onde in energia elettrica rinnovabile.
 
La società progettista spera così di poter incrementare il volume di risorse energetiche provenienti da questa fonte di energia alternativa; un ulteriore passo in avanti nel settore delle eco-energie, che potrebbe vedere delle innovazioni importanti nel corso dei prossimi mesi.

0 thoughts on “Energie rinnovabili: sfruttare la forza delle onde con Aquamarine Power

  1. Questa mi sembra un’idea valida: il mare si muove sempre :
    di notte, quando vi sono le nuvole, quando non vi è vento, anche quando i soliti sceicchi decidono di aumentare il prezzo del greggio, di mare ne abbiamo tanto.
    Sicuramente comunque i verdi avranno qualche cosa da ridire: ma da che parte stanno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *