Energia eolica: via libera del governo al nuovo impianto sulle Monadhliath

Energia eolica
Il governo scozzese ha dato il via libera alla costruzione di un impianto eolico sulle colline di Monadhliath. Si tratta di una decisione piuttosto attesa, visto e considerato che diversi ambientalisti, biologi e ornitologi, si erano opposti con vigore alla decisione di realizzare tale unità di sfruttamento del vento in un’area che, a loro opinione, avrebbe subito un impatto negativo sul fronte della tutela della fauna locale.

Evidentemente le opposizioni non sono state ritenute meritevoli di ascolto, e il governo ha così confermato che i lavori di realizzazione dell’impianto eolico, composto da 33 turbine in grado di produrre energia pulita per 46 mila abitazioni, e dar lavoro a 55 persone durante la fase di costruzione, si terranno regolarmente.
 
La notizia arricchisce ulteriormente il panorama delle energie rinnovabili della Scozia, che già alla fine del 2009 poteva annoverare un peso delle eco-energie sul totale dell’energia elettrica prodotta pari al 27%.
 
Una percentuale che il Ministro per l’Energia scozzese, Jim Mather, ha dichiarato di voler incrementare ulteriormente nel corso dei prossimi anni, rendendo la Scozia uno dei Paesi più avanzati nella efficiente gestione delle energie rinnovabili, sul fronte europeo e mondiale.

0 thoughts on “Energia eolica: via libera del governo al nuovo impianto sulle Monadhliath

  1. REALTA’ DELLE COSE
    http://www.movisol.org/10news262.htm
    L’eolico scozzese funziona… con il nucleare francese
    31 dicembre 2010 (MoviSol) – Nella ventosa Scozia, nelle ultime settimane, sono mancate le correnti d’aria previste per il funzionamento delle turbine eoliche; queste, inoltre, sono state aggredite dal ghiaccio.
    Il quotidiano The Scotsman riferisce che con questo rigido clima i mulini a vento scozzesi hanno espresso il 2,5% circa del proprio potenziale produttivo complessivo. Il calo di produzione cade proprio nel momento sbagliato, quando cioè il grande freddo rende necessaria una maggiore disponibilità di energia. Sul sito Balancing Mechanism Reporting System, usato dal gestore della rete elettrica nazionale per controllare la produzione elettrica del Regno Unito, si da’ notizia del fatto che, in certi momenti, quando la produzione eolica ha raggiunto quei pericolosi minimi, il gestore è stato costretto a comprare energia dalla Francia, cioè a ricorrere all’energia nucleare.
    Siamo al doppio paradosso: pur con questo acquisto dalla Francia, il governo scozzese, stupidamente avverso all’energia nucleare, insiste nell’opporsi alla sostituzione delle due centrali atomiche in funzione, destinate ad essere smantellate, una nel 2016 e l’altra nel 2023.
    RZ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *