Blocco traffico Milano domenica 30 gennaio: orari e informazioni

blocco traffico milano 30 gennaio
Milano si prepara per un’altra domenica ecologica: il blocco del traffico è previsto per domani, domenica 30 gennaio. I milanesi dovranno rinunciare all’automobile per ben 10 ore, dalle 8 alle 18. La notizia è stata diffusa dal sindaco del capoluogo lombardo Letizia Moratti, per ovviare al problema delle polveri sottili che attanagliano la città. Oltre agli orari, eccovi altri informazioni da sapere per non farsi cogliere impreparati.

Le parole dell’Amministrazione Comunale di Milano sono inconfutabili: “la difesa della salute dei cittadini per il Comune di Milano è irrinunciabile“. Eccovi spiegato il motivo per cui è stato deciso questo blocco della circolazione delle auto. Purtroppo lo smog ha reso la città invivibile, per cui per abbattere i valori del PM10 è stato quasi necessario optare per questa (scomoda) iniziativa.
 
Ma niente paura, per spostarsi nell’area urbana della città non ci saranno grossi disagi. Il Comune ha messo a disposizione una fitta rete di trasporti alternativi alle automobili, ovvero saranno aumentate il numero di corse della metropolitana (+50%) e dei mezzi di superficie. Ma non è tutto: è permesso ai cittadini di utilizzare il servizio bike sharing gratis, mentre quello di car sharing a prezzi vantaggiosi. E per chi vuole fare il pieno di cultura (anzichè di serbatoio della macchina per spostarsi, ahimè) i musei saranno aperti gratuitamente a chi vorrà visitarli.
 
Speriamo che questa domenica senza auto non diventi un incubo per i cittadini milanesi!

0 thoughts on “Blocco traffico Milano domenica 30 gennaio: orari e informazioni

  1. Purtroppo e’ inutile chiudere con frasi bonarie per un provvedimento irrilevante: sara’ un incubo per tutti quei genitori separati che avranno difficolta’ a vedere i figli, per tutti quei cittadini che lavorando riservano alla domenica attivita’ e impegni personali, per tutti quelli che magari vorrebbero solo andare fuori milano (e quindi non inquinare) edevono farlo prima delle 8 (!!!) etc… Troppa demagogia e poca sostanza in questi provvedimenti

  2. Non capisco perchè solo la domenica quando già normalmente c’è poco traffico, e non il lunedì oppure il sabato quando quasi tutti il mondo si fionda a Milano. E per noi poveri cristi che già sfortunati rimaniamo a Milano il sabato perchè magari lavoriamo e l’unico giorno che possiamo fare un giro è la domenica ci viene tolta anche quella. Per fare finta di prendere dei provvedimenti che non sono ovviamente per la classe svantaggiata che in questo modo lo è ancora di più, mentre i ricchi sono già usciti per wk e nello

  3. Chi lavora di sabato o domenica come al solito è penalizzato.
    E’ inoltre penalizzato lo sport e chi ha solo il sabato o la domenica per andare fuori Milano.

  4. é pazzesco pensare di fermare il traffico la domenica. Sicuramente è già stato detto, ma è assolutamente irrilevante, in quanto, la circolazione delle auto è ridottissima rispetto agli altri giorni, e non fanno altro che mettere in difficoltà quei poveri cristi come me che deve attraversare milano per andare al lavoro. Ci sono ben altre strategie per limitare lo smog, ma di certo il problema non tocca le persone che stanno comodamente sedute d’avanti ad una scrivania a non far nulla, e che il fine settimana lo passano a divertirsi, mi riferisco a tutta la classe politica che si sente in grado di decidere e non ne sono all’altezza. Che squallore!!

  5. Sabato sera nevicava in pieno centro a Milano quindi non è vero che la soglia di smog era così alta. Ieri sera c’èra una stellata da far paura. Impedire ai milanesi di andare via da Milano è solo un subdolo tentativo della moratti di battere cassa con tutte quelle iniziative inutili come le biciclette del comune poste dove non ci sono piste ciclabili! davvero un prodigio. Non mi stupisce visto i grandi risultati del fratello…una famiglia di geni.

  6. che servizio!!!!!!… pensa che non riesco ha trovare quale macchine possono circolare.. è al comune 020202 non risponde nessuno!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *