Auto elettriche: Think distribuisce il suo primo veicolo americano

Think City
Think, uno dei principali operatori americani nel settore dei veicoli elettrici, ha dichiarato di aver distribuito la prima auto elettrica di produzione interamente statunitense. Il modello ecologico, insieme ad altre 14 identiche unità, è stato consegnato allo Stato dell’Indiana, che ne farà un uso strettamente pubblico, introducendo l’auto all’interno della flotta governativa di veicoli su quattro ruote.

L’amministratore delegato della società, Barry Engle, si è detto estremamente orgoglioso di poter consegnare il primo veicolo completamente prodotto negli USA, con una tecnologia altamente efficiente, e un’autonomia e delle prestazioni in grado di rispondere perfettamente alle esigenze governative e commerciali degli utilizzatori pubblici e privati.
 
L’obiettivo finale, ha poi ribadito Engle, è quello di trasformare il mercato auto statunitense da un mercato fortemente dipendente dalle importazioni petrolifere, a un mercato in grado di autoalimentarsi grazie allo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili.
 
L’auto distribuita nello Stato dell’Indiana (la Think City) è un modello completamente elettrico, a zero emissioni, progettato in Scandinavia per uso cittadino.

0 thoughts on “Auto elettriche: Think distribuisce il suo primo veicolo americano

  1. Ogni tanto si sente in televisione delle cosiddette auto verdi a risparmio energetico ed impatto ambientale (in termini di inquinamento) praticamente zero… o quanto meno zero dal punto di vista delle emissioni in ambiente.
    Oggi 18-12-2010 ho sentito in tg che entro fine 2011 ci sarà una vendita massiccia di auto elettriche al 100%, ovvero non più ibride (metà elettriche e metà benzina), ma completamente elettriche…. ora mi sto chiedendo una cosa… dove si potranno ricaricare? sarà conforme (legalmente parlando) collegare l’auto in ricarica direttamente alla corrente di casa oppure occorrerà avere qualche sorta di abilitazione? In questa maniera probabilmente spariranno i benzinai, giusto? si sa qualcosa più preciso al riguardo? grazie.
    pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *