Spiagge italiane: ecco le regole per trattarle bene

Spiagge italiane: ecco le regole per trattarle bene
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

spiagge italiane regole

Spiagge italiane sempre più invase dai rifiuti, una situazione che sicuramente lascia molto a desiderare in termini di salvaguardia dell’ambiente. Il problema è che i vari tipi di rifiuti impiegano molto tempo per decomporsi e molti di essi potrebbero restare ad inquinare anche per tantissimi anni, perfino per 1.000 anni. Proprio per questo differenti associazioni, fra le quali Enpa, Lav, Oipa, Fai, Lipu e WWF, sono intervenute per distribuire un decalogo dal titolo molto significativo: “Spiagge accoglienti e mare pulito per tutti e per chi verrà domani“.

A cura di Gianluca Rini

Bisogna infatti tenere in considerazione che tutti dobbiamo contribuire a tenere pulito l’ambiente nel quale ci troviamo a vivere, anche in vista di un mondo più sano per le generazioni che verranno. A questo proposito piuttosto indicative sono state le parole di Stefano Leoni, presidente di WWF Italia: “L’ambiente non è solo un diritto ma anche un dovere. In spiaggia non ci si può comportare come se ci si trovasse in città, ma occorre adottare tutte le precauzioni e le buone pratiche necessarie per la tutela dell’ecosistema di cui stiamo usufruendo.”

Il decalogo per le spiagge pulite è stato presentato ad Ostia sabato 7 luglio e propone diversi consigli utili. Fra questi devono essere ricordati i comportamenti corretti con gli animali, i limiti da rispettare con le barche a motore, le strategie per far restare la spiaggia pulita. In questo modo porteremo avanti il minimo impatto ambientale sull’ecosistema costiero.

Quello che più conta consiste nel portare avanti dei piccoli gesti che si rivelano importanti nella vita quotidiana a favore della sostenibilità ambientale.

336

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Continua a leggere >>

Lun 09/07/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici