Ricostruzione Abruzzo: edifici antisismici C.A.S.E.

Ricostruzione Abruzzo: edifici antisismici C.A.S.E.

La ricostruzione edilizia abruzzese per le zone colpite dal sisma è stata affidata al progetto C

da in Bioarchitettura, Bioedilizia, Casa ecologica, Edilizia Ecosostenibile, Primo Piano, Sviluppo Sostenibile
Ultimo aggiornamento:

    Il piano di ricostruzione dell’Aquila è partito da una graduatoria stilata dalla Protezione Civile, e alla quale hanno preso parte decine di imprese edili del territorio italiano. Il migliore punteggio nella classifica appartiene al Progetto C.A.S.E. al quale è già stata affidato negli scorsi mesi il compito di costruire le prime abitazioni antisismiche per gli sfollati abruzzesi. Di piacevole aspetto, robustezza esemplare, sicurezza ai vertici ed ecosostenibilità indubbia, gli edifici in appalto sono stati considerati i più idonei per accogliere quei nuclei familiari colpiti dal terremoto dello scorso 6 aprile 2009.

    La struttura C.A.S.E. è composta da 4 blocchi indipendenti, distribuiti su 3 vani di scale e arretrati rispetto alla linea della facciata. Su ogni piano sono previsti 8 appartamenti di diverse metrature, rispettivamente: 1 monolocale, 1 bilocale e 6 trilocali. Ciò che distingue particolarmente queste costruzioni è, oltre all’estrema sicurezza, la marcata impronta ecologica.

    Il complesso abitativo è strutturalmente composto di legno (vani scale, strutture primarie, pareti portanti, terrazze, orizzontamenti e serramenti) con tutti i vantaggi economici, termici e di comodità che ne derivano.

    I serramenti sono composti in pino lamellare, noto per le proprietà di isolamento termico, anche grazie ad un sistema a vetrata basso-emissiva con intercapedine con gas Argon (4-18-4). Inoltre, il comfort di queste strutture è garantito grazie ad una areazione controllata studiata nel dettaglio per favorire un circolo dell’aria costante anche a finestre chiuse.

    Degna di nota anche la sostenibilità energetica dei fabbricati: sia per la stagione estiva che per quella invernale, viene garantita l’efficienza energetica con un consumo medio annuo che si colloca intorno ai 38,66 kWh/m². Per quanto concerne il riscaldamento, la soluzione adottata dal Progetto C.A.S.E. prevede l’installazione di pannelli radianti nei locali di tutte le abitazioni (tranne i servizi) con alimentazione tramite appositi pannelli solari termici. Infine, per quanto riguarda l’inquinamento acustico non ci sono problemi, perchè pannelli multistrato in legno massiccio a strati incrociati garantiscono un eccellente isolamento acustico -oltre che termoigrometrico.

    372

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BioarchitetturaBioediliziaCasa ecologicaEdilizia EcosostenibilePrimo PianoSviluppo Sostenibile
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI