Le ecotasse previste in Italia dal ministro Clini in vista della crescita economica

Le ecotasse previste in Italia dal ministro Clini in vista della crescita economica

In Italia stanno per arrivare delle vere e proprie ecotasse, un insieme di sanzioni e di incentivi che hanno lo scopo di favorire la crescita economica anche dal versante della sostenibilità ambientale

da in Corrado Clini, Ecoincentivi Statali, Efficienza Energetica, Impatto ambientale, Sostenibilità Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    ecotasse italia fonti rinnovabili

    Saranno delle vere e proprie ecotasse, secondo quello che è stato dichiarato dal ministro dell’Ambiente Clini, quelle che saranno applicate in Italia a favore dello sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. Il tutto anche nel rispetto delle linee guida che sono state stabilite in seguito alla Conferenza di Durban. Clini è comunque deciso a dimostrare che la crescita economica del Paese non può che seguire in maniera parallela il rispetto dell’ambiente. Gli strumenti per favorire un’integrazione armonica delle due dimensioni ci sono.

    Secondo il nostro ministro dell’Ambiente questi strumenti consistono in ecotasse, incentivi, bonus, ma anche penalizzazioni per chi non si adopera a sostegno della salvaguardia ambientale. In particolare le penalizzazioni da applicare rientrano nei piani stabiliti alla Conferenza di Durban.

    Tutte le ecotasse comunque saranno stabilite sulla base di un coinvolgimento europeo del nostro Paese nell’ambito di decisioni comunitarie.

    È previsto che le sanzioni pagate da coloro che non rispettano le regole a favore dell’ambiente verranno utilizzate per erogare i bonus a favore di chi, attraverso l’innovazione, vuole portare avanti la sostenibilità ambientale.

    Già Clini aveva specificato che sono in arrivo altri ecoincentivi che non modificheranno l’assetto del Quarto Conto Energia. Adesso si parla anche di detrazioni fiscali del 55% in relazione all’efficienza energetica. Clini ha così dichiarato:

    “Oltre al risparmio dei cittadini sulla bolletta energetica e sulle tasse, oltre alla riduzione dei costi per le emissioni di CO2, oltre al contenimento del disavanzo energetico dell’Italia, se non ci si ferma alla sola copertura dei costi, ma leggendo in chiave di conto economico il Fisco (tra Iva e Irpef generate, emersione dell’Iva, occupazione creata), incassa tre volte la spesa sostenuta.”

    Foto di jhderojas

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Corrado CliniEcoincentivi StataliEfficienza EnergeticaImpatto ambientaleSostenibilità Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI