Intossicazione da mercurio: cura e rimedi naturali

Si può rimediare all’intossicazione da mercurio con alcune soluzioni naturali: zeolite, argilla ventilata, alga Clorella

da , il

    intossicazione da mercurio

    Siamo tutti quanti esposti all’intossicazione da mercurio, anche perché, attraverso l’esposizione all’aria, ad alcune acque, alle otturazioni dentali, ai vaccini, questo metallo si accumula anche molto lentamente nel nostro corpo, potendo causare vari problemi. Possiamo incorrere in dolori articolari e muscolari, in problemi digestivi e anche in disturbi cerebrali. Tuttavia la natura ci mette a disposizione delle soluzioni da tenere in considerazione, se vogliamo depurarci, senza ricorrere alle sostanze chimiche.

    I sintomi

    I sintomi dell’intossicazione da mercurio si riconoscono facilmente, anche se possono subentrare lentamente nel corso del tempo. L’accumulo di questo metallo nel nostro organismo tende a causare dolori articolari e muscolari, infiammazioni varie e una sensazione di rigidità agli arti. Il tutto può essere accompagnato da stanchezza e crampi. Se si hanno delle vecchie otturazioni dentali a base di mercurio, possono subentrare anche dei problemi digestivi. Questo succede, perché alcuni frammenti di mercurio finiscono nel cibo e poi nell’apparato digerente. Il mercurio incide negativamente anche sulla nostra mente, soprattutto su quelle abilità cerebrali che conquistiamo nel corso dello sviluppo. Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che proprio l’esposizione al mercurio può causare difficoltà nella memoria, nel linguaggio o scarsa attenzione.

    I rimedi naturali

    Esiste una cura contro l’intossicazione da mercurio, che, in termini medici, viene chiamata terapia chelante. Si basa sull’uso di alcuni composti, come l’acetilacetonato, l’ossalato, il carbonato, il glicinato. I rimedi naturali, tuttavia, offrono la possibilità di una disintossicazione senza rischi. Da tenere in considerazione soprattutto la zeolite, l’argilla ventilata e l’alga Clorella. La zeolite, che possiamo trovare in polvere o in capsule, svolge un effetto benefico all’interno dell’intestino. Riesce ad assorbire le sostanze che hanno una carica positiva, tra cui anche i metalli pesanti. Inoltre è in grado di preservare l’organismo dai danni provocati dai radicali liberi, perché ha delle proprietà antiossidanti; favorisce la concentrazione, diminuisce la stanchezza e aumenta la resistenza fisica.

    L’argilla ventilata veniva utilizzata fin dall’antichità come impacchi per risolvere soprattutto i problemi articolari, ossei e muscolari. Questa sostanza è ricca di oligoelementi e di minerali, come calcio, magnesio e potassio. Oltre ad avere proprietà antisettiche, battericide e cicatrizzanti, ha anche un forte potere rimineralizzante. Si scioglie mezzo cucchiaino da caffè di argilla ventilata in mezzo bicchiere d’acqua. Si lascia riposare il composto per tutta la notte e la mattina si beve soltanto l’acqua. L’alga Clorella riesce ad agire sul sistema metabolico e migliora quello vascolare, riducendo l’ipertensione. Inoltre favorisce le funzioni depurative dell’organismo, assorbendo grandi quantità di tossine, risanando la flora batterica ed eliminando dal fegato e dai tessuti i residui tossici.

    Guarda anche:

    Le tossine più pericolose per il nostro cervello: quali sono e dove si trovano?

    Rimedi naturali contro le scottature e le piccole ustioni [FOTO]Sostanze tossiche nei vestiti: una guida utile [FOTO]
    Tossine pericolose per il nostro cervello