Gestione rifiuti: il 70% della spazzatura finisce in discarica

Gestione rifiuti: il 70% della spazzatura finisce in discarica
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

gestione_rifiuti_corrado_clini

La gestione dei rifiuti rappresenta una questione molto problematica, che non va affatto sottovalutata. Un adeguato smaltimento dei rifiuti è importante in termini di sostenibilità ambientale. Tuttavia non sempre si riesce a raggiungere questo obiettivo. Sono preoccupanti infatti i dati che emergono dalla ricerca “Globalizzazione e gestione dei rifiuti solidi“, i cui risultati sono stati presentati in occasione del Congresso mondiale dell’Iswa, International solid waste association. Appare evidente come il 70% dei rifiuti urbani in tutto il mondo vada a finire in discarica.

Tutto ciò fa comprendere come si sceglie di puntare poco sul riciclo dei rifiuti. Infatti la ricerca ha sottolineato che soltanto l’11% dei rifiuti viene utilizzato per il recupero energetico, mentre soltanto il 19% è sottoposto ad un processo di riciclaggio o viene trattato a livello meccanico e biologico, andando per esempio ad implementare la pratica del compostaggio.

Il nostro Paese non è affatto da meno. In Italia infatti le discariche rappresentano ancora la modalità principale utilizzata per lo smaltimento dei rifiuti. L’apice si raggiunge in alcune regioni, come la Sicilia, il Molise e la Basilicata, dove i rifiuti che finiscono nelle discariche costituiscono l’80% del totale.

Proprio per sensibilizzare sul problema, l’Iswa ha elaborato il cosiddetto progetto Atlas. Si tratta di un’applicazione interattiva, grazie alla quale si possono visualizzare su una mappa i rifiuti nel mondo e gli impianti di smaltimento. Sarebbe molto importante poter ampliare le possibilità legate al riciclo, in modo da mostrare un maggiore rispetto nei confronti dell’ambiente.

GR

Sono 102 le discariche italiane non a norma

Che il nostro rapporto con Bruxelles non fosse dei migliori non era difficile capirlo, e non solo per la crisi economica. La gestione rifiuti, con l’emergenza Campania, aveva già avuto alcuni momenti di tensione. Ora la Commissione Europea sentenzia che ben 102 discariche italiane non risultano a norma secondo quanto previsto dalle leggi in materia di gestione dei rifiuti e smaltimento dei rifiuti stessi.

Sono ben 14 le Regioni dove tali discariche (di cui 3 gestiscono anche rifiuti speciali) avrebbero dovuto essere chiuse entro il 2009, e invece sono ancora attive e funzionanti. Si tratta di aree presenti nei seguenti territori: Abruzzo, Calabria, Lombardia, Umbria, Basilicata, Emilia Romagna, Puglia, Molise, Liguria, Marche, Sardegna, Campania, Piemonte e Friuli Venezia Giulia.

La comunicazione è arrivata dalla Commissione Europea per rimarcare la mancanza dell’Italia circa il rispetto e l’applicazione di una direttiva europea del 1990 sulle discariche dei rifiuti. Anche Corrado Clini, il nostro Ministro dell’Ambiente, ha sottolineato come ci siano troppi centri di raccolta rifiuti in Italia, a volte non bene organizzati: per contrastare questo fenomeno ed evitarci una pesante multa è il caso di potenziare un consumo critico delle risorse, la raccolta differenziata e l’utilizzo della spazzatura per lo sviluppo di energie rinnovabili atte a soddisfare il fabbisogno energetico di una parte della popolazione. In un sol colpo, così, si potrebbe ridurre il costo dello smaltimento dei rifiuti ma anche quello dell’approvigionamento di energia da altri paesi produttori. Nel frattempo, però, la questione resta aperta. E la multa, pendente sulla nostra testa.

photo: guarrancino.69

617

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 18/09/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici