Gatto murato vivo, atto intimidatorio dei poligami negli USA

Gatto murato vivo, atto intimidatorio dei poligami negli USA

gatto murato vivo

Un gatto murato vivo. È questa la terribile sorte toccata ad un povero animale negli Stati Uniti. Il gatto è stato rinchiuso in un blocco di calcestruzzo in un giardino. Il gesto orribile sembra che possa essere rapportato ad un atto intimidatorio compiuto dai poligami della zona contro la Chiesa Fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni. Difatti l’animale è stato trovato nella casa di un ex membro della Chiesa fondamentalista, Isaac Wyler, il quale si trova in carcere perché accusato di violenza verso due minorenni che ha sposato.

A cura di Gianluca Rini

Gli animali vengono coinvolti in queste dispute ideologiche e le conseguenze per essi sono davvero assurde. Come si fa a murare un gatto vivo, qualunque siano i principi che si vogliano affermare? Si deve essere davvero spietati per fare un’azione del genere, visto che si può parlare di una vera e propria tortura.

Un altro di quei casi di maltrattamenti di animali che finiscono con l’essere addirittura fatali. In effetti bisogna precisare che il gatto è stato ritrovato ancora in vita, ma non si è riusciti ad estrarlo dal cemento e quindi l’animale è morto.

Come si può pensare di compiere un atto di barbarie nei confronti di un povero gattino? A volte la violenza dell’uomo arriva ance a questo, non comprendendo come gli animali sono degli esseri viventi come noi, che vanno rispettati e non uccisi brutalmente.

Bisognerebbe che venissero predisposte delle leggi più severe per chi maltratta gli animali, in modo da scoraggiare le azioni frutto dell’insensibilità umana. Sul caso adesso le autorità stanno indagando, speriamo che si arrivi ad individuare il colpevole.

317

Segui Ecoo

Gio 12/07/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Alessandro 13 luglio 2012 13:26

Se mi fosse data l’occasione ucciderei con le mie stesse mani quell’essere infimo e demente che ha osato tanto. Una cosa del genere andrebbe equiparata all’omicidio per quanto è perversa, malata e stupida. Quell’essere innocente merita vendetta, è solo in questi momenti che spero esista un inferno dove questi parassiti possano bruciare in eterno.

Rispondi Segnala abuso
Seguici