Fuorisalone 2012, guida alle iniziative green

Fuorisalone 2012, guida alle iniziative green
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

fuori_salone_eventi_green

Oltre al Salone, dal 16 al 22 aprile a Milano torna il FuoriSalone, con i suoi mille appuntamenti, i party, i cocktail e la creatività in azione. Quest’anno l’ottica green è più che mai presente, non solo negli eventi ma anche nella stessa organizzazione: il Comune di Milano ha infatti istituito un’isola pedonale dalle 18 alle 24 nei feriali e dalle 14 all’1 di notte durante il weekend. Il massimo che si può fare, infatti, in questi giorni di fermento è decisamente muoversi a piedi o in bicicletta. Ma cosa ci aspetta di interessante al FuoriSalone 2012, in ottica di sostenibilità ambientale?

La prima proposta ecocompatibile riguarda l’intero FuoriSalone 2012, quindi proprio dal 16 al 22 aprile, e si chiama “Goodesign – lavorare bene, abitare meglio”. L’idea è proprio quella di mettere in mostra in Cascina Cuccagna il design buono, in tutte le sue accezioni. Dal green al living, dal food al mobility, saranno queste le macro aree tematiche dove sarà possibile studiare in concreto i prodotti e i designer che potranno aiutarci ad applicare uno sviluppo sostenibile alla nostra vita.

È invece dal 17 al 22 aprile visibile la nuovo proposta di Tu&Tu, all’interno di un affascinante Eco-Temporary Shop (corso Garibaldi 42): in particolare, sarà possibile ammirare la nuova linea di accessori con microfibra ecologica ricavata da bottiglie di plastica riciclate. Nelle stesse date il laboratorio “Posti di vista” (Fabbrica del Vapore, via Procaccini 4/via Luigi Nono /) propone dei percorsi alternativi di consumo critico, sfruttando il concetto di riciclo creativo ma anche di nuovo utilizzo di prodotti normalmente conosciuti per altri scopi. In questo modo sarà dunque possibile allungare il loro ciclo di vita e diminuirne l’impatto ambientale.

Uno degli eventi più importanti è proprio nel cuore del FuoriSalone 2012 ed è l’IOriciclo Turiciclo, in via Tortona 35, dove la mostra collettiva s’intitola “C’e la crisi? C’è il design!”. Quale tema più attuale di questo? Se poi viene legato alla questione della tutela ambientale interpretata in chiave creativa, e dell’eco-design, la miscela non potrà che essere esplosiva.

Quartiere Brera si accende di novità per questo FuoriSalone 2012. Il merito è anche di Change Up!, associazione che si è specializzata nella diffusione di uno stile di vita a impatto zero e che per l’occasione ha adottato il designer Giorgio Caporaso e le sue creazioni, una proposta innovativa che si basa principalmente sulla ricerca di materiali sostenibili, da coniugare a stile, eleganza e funzionalità.

Un po’ più a nord si può visitare il centro polifunzionale “Fabbrica del Vapore“, dove la fanno da padrone un centinaio di autoproduttori che si sono identificati nel manifesto Milanosiautoproduce, iniziativa partita in sordina già da un anno e che mira a dare visibilità alle attività artigianali e laboratori ali che animano la città e la rendono così viva e fertile a livello creativo. Il design, infatti, è stimolo, contaminazione e scintilla; anche in questo caso, però, l’attenzione all’ambiente e ad uno sviluppo produttivo ecocompatibile diventa indispensabile per unire la fantasia al benessere.

La mostra itinerante tra Via Procaccini 4 e Via Farini DOCVA di Daniele Pario Perra è davvero originale e merita di essere ammirata: sono infatti raccolti in questa iniziativa cinquecento esempi di oggetti che, grazie all’attività delle persone o al loro cambio d’utilizzo, sono diventati a loro insaputa veri e propri elementi di design. Uno sguardo nuovo sulla casualità e su come essa possa coniugarsi con uno stile green, grazie al riciclo creativo.

Non abbiamo ancora parlato, però, della zona Tortona, un tempo luogo cult della design week milanese, oggi più che altro ignorata da coolhunter. Anche qui, però, potete vedere qualcosa d’interessante come l’Eco-ntamination Lab, nato da un’idea di Equology Ethic Competence, che permette di studiare un metodo alternativo per vivere la città e i suoi ritmi. Ovviamente nel pieno rispetto dell’ambiente.

Ma come fare per ammirare tutta questa creatività emergente? Il consiglio è quello di farlo in una piena mobilità sostenibile. Le bici da questo punto di vista rappresentano il mezzo ideale, e allora perché non sfruttare i bike tour guidati per la città? Potrete conoscere luoghi insoliti e mostre suggestive, oltre a vivere un’esperienza indimenticabile… a impatto zero! Se sei un appassionato della Design Week milanese, non ti perdere anche lo speciale sui pezzi must di questo Salone del Mobile 2012 dove l’architettura diventa sostenibile.

photo: nussbox

796

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 17/04/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
AnnyPan 17 aprile 2012 12:07

Sapete dove si possono trovare altre informazioni sui bike tour? Grazie!

Rispondi Segnala abuso
Seguici