Energia nucleare: anche la Svizzera sceglie le fonti alternative

Energia nucleare: anche la Svizzera sceglie le fonti alternative
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

svizzera_energia_nucleare_fonti_rinnovabili

La crisi economica colpisce anche lo stato elvetico: il governo della Svizzera prepara misure di stimolo all’utilizzo di fonti alternative per rendere più svantaggioso il ricorso all’energia nucleare. La proposta serve per condividere con il popolo la decisione di dismettere completamente le centrali nucleari entro il 2035 e per agevolare l’energia pulita.

Gli imprenditori che utilizzeranno le fonti rinnovabili, infatti, ne guadagneranno con importanti sgravi fiscali, mentre sarà tassato l’utilizzo del combustile fossile. In questo modo, infatti, il governo spera di agevolare i risparmiatori e i lavoratori, oltre diminuire l’impatto ambientale della produzione di energia. Dovrebbero essere cinque le centrali -dove attualmente viene realizzata l’energia atomica- che dovrebbero essere spente entro il 2035, le quali soddisfano per il 40% il fabbisogno energetico svizzero. Per questo è fondamentale per la terra elvetica dare nuovo impulso agli investimenti sugli impianti fotovoltaici e su altre forme di fonti rinnovabili.

215

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 07/12/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici