Eco-turismo: vacanze 2010, consigli per renderle davvero ”verdi”

Spesso per compiere le proprie vacanze nella maniera più ecologica possibile basta seguire alcune regole basilari

da , il

    Eco-turismo, consigli per le vacanze green

    Con l’arrivo del caldo estivo e delle tanto sospirate ferie, è finalmente giunto il momento di andare in vacanza, magari cogliendo l’occasione per riscoprire un contatto con la natura, con alcuni percorsi naturalistici all’insegna dell’ecologia e del rispetto della tutela ambientale. Partendo da un punto fisso: contenere gli spostamenti tramite i mezzi privati, riducendo così il proprio impatto ambientale in termini di inquinamento atmosferico.

    Anche in vacanza (o soprattutto durante tali periodi) è infatti possibile spostarsi nei centri urbani ed extraurbani attraverso l’utilizzo dei mezzi pubblici, diminuendo così il proprio personale contributo all’inquinamento dell’aria. Un mezzo alternativo di trasporto è inoltre offerto dalle comode biciclette, grazie alle quali si potrà anche conseguire un più ravvicinato contatto con la natura e con il territorio circostante.

    Ancora, la vacanza estiva può essere un momento ideale per riscoprire un’alimentazione biologica, mangiando i prodotti tipici delle aree visitate, ed entrando così in più diretto contatto con le realtà territoriali.

    Inoltre, per quanto possibile, sarebbe opportuno limitare l’utilizzo dei condizionatori. L’abuso di questi meccanismi di raffreddamento dell’aria, infatti, consuma uno straordinario quantitativo di energia elettrica, e contribuisce a surriscaldare l’atmosfera attraverso la propria contribuzione alla produzione di gas serra.

    Infine, per chi si reca al mare, un’ultima raccomandazione, demandata al semplice buon senso: al termine delle stagioni estive, infatti, le coste balneari della Penisola sono sempre più inquinate, con sacchi di plastica e sigarette difficilmente eliminabili dall’ambiente. A volte, il semplice utilizzo degli appositi contenitori di gestione dei rifiuti può salvare lo stato di salute di spiagge e mari.

    Immagine tratta da difrontealfuturo.net