Costa Concordia, i fondali dell’Isola del Giglio prima del naufragio della nave [VIDEO]

Costa Concordia, i fondali dell’Isola del Giglio prima del naufragio della nave [VIDEO]

Il possibile impatto ambientale

nave costa concordia impatto ambientale

Una nota della Costa Crociere chiarisce a proposito dell’impatto ambientale: “In seguito all’incidente Costa Crociere è intervenuta immediatamente per impedire un potenziale impatto ambientale e sin dalla giornata di sabato si sta avvalendo della società leader al mondo nel settore, Smit & Salvage, con cui sta elaborando un piano di interventi; le azioni immediate a breve termine sono consistite nel realizzare una barriera di contenimento attorno allo scafo.

Oltre al rischio legato al carburante, che può penetrare nella catena alimentare, c’è anche il pericolo legato ai danni per l’ambiente marino, a partire dal fatto che anche l’ombra di una nave così grande può influire sulla vita di specie che hanno bisogno di luce.

Nel concetto di sostenibilità ambientale rientra tutto ciò che ha a che fare anche con la balneazione, la pesca e il turismo. E se il relitto dovesse spostarsi in seguito alle forze delle onde del mare i danni potrebbero estendersi.

Tra l’altro il tutto andrebbe a colpire una zona, nella quale vivono specie come la Posidonia oceanica o la pinna nobilis, specie preziose e da proteggere. Pensiamo soltanto anche agli oggetti dei passeggeri della nave finiti in mare: anche telefonini, fotocamere e altri apparecchi elettronici possono essere nocivi.

271

Segui Ecoo
<< indietroContinua a leggere >>

Gio 29/03/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Amedeo Tringali 23 gennaio 2012 18:40

Il WWF ora critica la Costa Crociere ma è da anni che si fa sponsorizzare…

http://www.costacrociere.it/B2C/I/Corporate/wwf/default.htm

Pecunia non olet……..

Rispondi Segnala abuso
Cristina 22 aprile 2012 16:03

mi dispiace molto per quello che è sucesso e spero che nn si ripeta più perk il mare sta soffrendo e anche l’ambiente e la terra.Dovremo ringraziare la terra per i frutti e le cose naturali che ci regala e nn dovremo più inquinare l’ambiente cn le nostre costruzioni sciocche ai miei tempi ha malapena c’èra il pane!

Rispondi Segnala abuso
Seguici