Come potare le ortensie

Come potare le ortensie
da in Casa ecologica, Giardini, Vivere green

    come potare le ortensie

    Come potare le ortensie? Si tratta di un’operazione che deve essere realizzata con molta attenzione, perché queste piante hanno bisogno di una cura precisa e costante nel tempo, dal momento che hanno una crescita abbastanza veloce. Vediamo, quindi, nello specifico in che periodo dell’anno procedere e tutte le indicazioni per una procedura da effettuare in modo preciso. I consigli sono tanti e riguardano anche le forbici da usare per ottenere un risultato perfetto, a seconda delle esigenze della pianta, che va piantata nelle zone ombreggiate del nostro giardino. Prima di procedere, quindi, continuate a leggere la nostra guida green, per conoscere tutti i dettagli sulla potatura delle ortensie.

    quando potare ortensie

    In generale possiamo dire che l’operazione di potatura delle ortensie andrebbe effettuata nei mesi autunnali, non appena sarà conclusa la fioritura. La potatura può essere effettuata anche in primavera, prima dell’arrivo del caldo, un periodo che corrisponde alla fine del riposo invernale. Tenendo conto del periodo in cui effettuare la potatura, inoltre, si deve considerare anche la varietà della pianta, che può essere arbustiva o rampicante. In più dobbiamo operare tenendo conto anche del periodo di fioritura. Esistono, infatti, delle piante di questo tipo che fioriscono durante l’anno in corso e altre che fioriscono nell’anno precedente.

    quali rami tagliare ortensie

    La prima regola da tenere in considerazione prima di procedere alla potatura consiste nel fatto che sono i rami giovani a fiorire. Quindi nel corso della potatura autunnale bisogna togliere i rami sui quali sono stati prodotti i fiori, lasciando quelli nuovi che potranno fiorire nel corso dei mesi primaverili. E’ importante non effettuare la potatura in caso di un’ortensia giovane, bisognerebbe procedere in particolare a partire dal terzo anno di vita della pianta. Nei primi anni, comunque, è fondamentale togliere i rami secchi e i fiori appassiti.

    come tagliare ortensie

    I rami vecchi vanno tagliati a 25 centimetri dal suolo, ad una distanza di circa 2 centimetri da una coppia di gemme. Proprio da questo punto nascerà un ramo nuovo che potrà fiorire in seguito. Se lo riteniamo opportuno, possiamo decidere anche di effettuare una potatura più radicale, ma teniamo in considerazione il fatto che, in questo caso, la riduzione sarà evidente e la fioritura della primavera seguente subirà un notevole ritardo.

    forbici ortensie

    Dobbiamo utilizzare delle forbici adeguate per procedere alla potatura. Con le forbici, infatti, dobbiamo effettuare dei tagli netti. Deve trattarsi di uno strumento robusto, per tagliare anche i rami legnosi che si trovano alla base della pianta. Ricordiamoci, inoltre, di disinfettare le forbici prima della potatura. E’ importante utilizzare delle forbici con cricchetto, che sono molto versatili e permettono di agire anche sui rami particolarmente robusti senza troppi sforzi. Infatti queste forbici permettono di distribuire lo sforzo durante il taglio in modo adeguato, in base al diametro del ramo sul quale si agisce. Scopri anche come coltivare le orchidee

    714

    PIÙ POPOLARI