Natura: primavera è in costante anticipo

natura primavera anticipo

natura primavera anticipo
La natura da sempre lancia svariati segnali all’uomo. Che spesso, purtroppo, non riesce ad interpretarli. Anche quando la primavera arriva prima. Basterebbe guardare i fiori oppure osservare il comportamento degli uccelli migratori, ad esempio. Un gruppo di ricercatori del Centro di Ecologia e Idrologia di Lancaster (Regno Unito) ha dimostrato che il comportamento delle piante e degli animali che si nutrono di esse sono in grado di dimostrare che la primavera è in anticipo. Ogni anno. Vediamo insieme i dati empirici di questo studio davvero molto interessante.

Il capo ricercatore, il Dott. Stephen Thackeray, ha dichiarato: “Abbiamo misurato la data di arrivo della primavera in base al comportamento di oltre 700 specie di animali e piante inglesi – ma anche di forme di vita come il plancton lacustre – e abbiamo rilevato che, in media, la primavera è arrivata con 11 giorni di anticipo nella metà del decennio passato rispetto alla metà degli anni ’70. E il tasso di cambiamento è sempre più elevato“.
 
Ogni anno, c’è una sequenza di eventi naturali che si ripete: la vegetazione si attiva, quindi a loro volta gli erbivori che si nutrono di vegetali, e, infine, i carnivori che mangiano gli erbivori“. Però, siccome il rischio è che alcune specie animali o vegetali rischino di non arrivare “pronte” alla nuova stagione, Thackeray ha aggiunto: “abbiamo fortemente bisogno per scoprire come questo possa influenzare gli animali selvatici e la flora della Gran Bretagna