L'impatto ambientale dello smog forte per Roma e Milano

Un impatto ambientale non indifferente quello relativo allo smog delle più grandi città italiane, Roma e Milano, che non possono di certo essere elogiate per il modo in cui badano a garantire una riduzione dell’inquinamento dell’aria. E se anche queste misure vengono prese, non si può dire che sortiscano risultati eccezionali in termini di sostenibilità ambientale. Questo è il giudizio che emerge dal City Ranking Project, un progetto inteso a promuovere un impatto zero e che si è occupato di mettere a punto una classifica delle città in base ai livelli di polveri sottili in esse registrate.

Una questione di un triste primato italiano che non può essere trascurato, in quanto le emissioni andrebbero combattute anche a vantaggio della salute. Non si devono tra l’altro dimenticare i rischi connessi a questa situazione insostenibile: le emissioni nocive e l’inquinamento saranno in crescita dal 2012.
 
Andrea Poggio, vicedirettore nazionale di Legambiente, ha fatto presente:
 

Nel voto negativo assegnato a Milano ha pesato, forse anche al di là del merito, la scarsissima valutazione dei provvedimenti regionali (Low emission zone) di limitazione della circolazione dei mezzi più inquinanti, soprattutto camion, che circolavano nonostante i divieti e senza applicare filtri.

 
Le emissioni di CO2 europee sono aumentate, anche se all’estero la situazione è differente per quanto riguarda la lotta all’inquinamento, che non viene mai interrotta e vede la messa in atto di misure di diverso genere: multe a chi inquina, provvedimenti contro il traffico, potenziamento del trasporto pubblico. Il tutto a vantaggio della mobilità sostenibile.

0 thoughts on “L'impatto ambientale dello smog forte per Roma e Milano

  1. Si può e si deve passare dalle parole ai fatti – AZIONE !!!…….
    “Il particolato è l’inquinante principale emesso dai motori diesel e la sua formazione è dovuta ad una
    combustione incompleta del gasolio nel motore” – http://www.arpa.vda.it/allegati/Presentazionecontrolli_TIR_x_sito_4095.pdf
    Di seguito l’esito della prova OPACIMETRO del 26/10/2010 effettuata sulla mia VOLKSWGEN PASSAT DIESEL 1.9. TDI – euro 3 – anno immatricolazione 2002, notificante i seguenti valori:
    · K1 …………….Valore 0.08;
    · K2 ………….…Valore 0.02;
    · K3 …………….Valore 0.01;
    · Opacità Media Valore 0.00=
    Presso l’ufficio Ecopass del Comune di Milano Attuazione Mobilità con prot. PG 181181/2011 è TUTT’ORA GIACENTE LA MIA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE NELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO.
    Ecco la mia ricetta, studiata, provata e plurisperimentata:
    26 gen 2010 – Inquinamento a Milano da http://www.focus.it :
    “Ogni giorno, 73 accessi nei pronto soccorso hanno come causa disturbi «potenzialmente correlabili all’inquinamento»; in due anni i casi sono sta ti 53.514. Tosse, asma, bronchiti, polmoniti,…”
    08/02/2011 – Smog: a Milano il traffico “costa” 1 miliardo di euro ogni anno
    https://www.ecoo.it/articolo/smog-a-milano-il-traffico-costa-1-miliardo-di-euro-ogni-anno/11685/#comments
    “Lo smog a Milano, oltre che creare danni alla qualità dell’aria, costa anche caro! Secondo quanto dichiarato da Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano, il prezzo che le aziende milanesi devono sostenere in un anno è pari a ben 1 miliardo di euro. “Inquinamento e traffico costano a ciascuna impresa di Milano 3.500 euro l’anno per un totale di un miliardo di euro in termini di ritardi, malattie e giorni di lavoro persi“, è quanto avrebbe asserito Sangalli. Un bel problema – anche economico – che colpisce una delle metropoli più trafficate d’Italia.
    L’A.R.P.A. Valle d’Aosta a pag. 3 di : http://www.arpa.vda.it/allegati/Presentazionecontrolli_TIR_x_sito_4095.pdf
    Relaziona: “ Il particolato è l’inquinante principale emesso dai motori diesel e la sua formazione è dovuta ad una combustione incompleta del gasolio nel motore”.
    Quello che in realtà capita in un qualsiasi veicolo con motore a combustione interna è che la fase di combustione non viene completata nella camera di scoppio. Infatti nella maggior parte dei motori se togliamo il collettore, durante il ciclo di scarico, vedremo uscire delle fiamme prodotte dal carburante incombusto, causa delle emissioni di sostanze inquinanti.
    Se disciogliamo nel carburante, gasolio o benzina che sia, la “molecola MPG”, essa agisce da catalizzatore nella camera di combustione. Nella camera di combustione, il catalizzatore accelera la combustione facendo in modo che essa termini nella stessa. Questo fornisce al motore più potenza e limita la fuoriuscita di calore attraverso lo scarico. La temperatura di scarico si abbassa e ciò aumenta l’efficienza del motore sia in Km per litro sia in cavalli di potenza.
    Le più conosciute tecnologie antinquinamento, filtro antiparticolato e sistema SCR con impiego di UREA/AdBlue, non riducono i consumi ne aumentano la potenza. Esse agiscono solo a posteriori del motore, dal collettore di scarico in poi.
    Il Catalizzatore di combustione “MPG” è frutto delle Avanzate Tecnologie del Carburante di F.F.I. con sede in 650 Douglas Avenue – Altamonte Springs, Florida 32714 USA , http://www.ifueltech.com ;
    http:// http://www.ecogrigne.myffi.biz , la cui efficacia è dimostrata sia in studi di laboratorio che su strada.
    L’esclusiva ed innovativa Tecnologia del Carburante “MPG”, unica al mondo, con il rivoluzionario trattamento del carburante, migliora la combustione e garantisce:
    • Risparmi dal 7% al 14% sui consumi di carburante ed aumento di potenza del motore;
    • Abbattimento emissioni inquinanti di oltre il 75%;
    • Protezione valvole e riduzione dei residui carboniosi;
    • Prolungamento vita di candele, iniettori e valvole;
    • Eliminazione di battiti in testa e partenze più efficaci anche a temperature estreme.
    Fuel Product “MPG” :
     sono un marchio registrato E.P.A. – Ente Protezione Ambientale U.S.A. :
    • n. 218820001 MPG-CAPS;
    • n. 218820003 MPG-MEGA-CRUMBS;
    • n. 218820005 MPG-BOOST;
     sono stati largamente testati sia in studi di laboratorio che su strada ed hanno provato che funzionano.
    Certificati da: Intertek Caleb Brett Belgium N.V.; DNV Petroleum Services INC.-La Porte Texas-USA;
    Testati anche da: TUV SUD Auto Services GmbH-Germany; BOSCH-Germany;
    “IL FUTURO APPARTIENE A CHI HA IL CORAGGIO DI ESSERE DIFFERENTE”
    Volete saperne di più?
    Roberto Pozzi
    rp.pozzi@gmail.com
    http:// http://www.ecogrigne.myffi.biz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *