Fuoco e fiamme sulle aree verdi d'Italia: la Puglia è da record

bosco_italia_fuoco_fiamme
In Italia fuoco e fiamme non accennano a spegnersi sulle aree verdi: è stata un’estate dove i roghi sono stati decisamente protagonisti, soprattutto nel sud Italia. I dati sono chiari: la regione Puglia è stata quella che ha visto più macchia boschiva andare in fumo durante il 2011, con il record di 2020 ettaro. Non se la passano meglio Sardegna, Campania e Calabria.

L’allarme, lanciato dalla Protezione Civile e da Legambiente, non è da sottovalutare: le aree boschive distrutte in Sardegna sono state pari a 1829 ettari, in Campania 914. La Calabria invece ha il triste primato di roghi accesi nella zona: 486. Il patrimonio boschivo sembra quindi fortemente a rischio, ed è di nuovo il Sud Italia che vive la situazione più grave: è in quest’area, infatti, si è sviluppata una vera e propria emergenza incendi con l’80% degli episodi incendiari della penisola.
Il dossier Ecosistema Incendi 2011 mette alla luce un altro dato allarmante: solo il 5% dei Comuni contattati conferma di applicare la legge quadro in materia di protezione dell’ambiente dai roghi. È quindi di primaria importanza riuscire a preservare ambiente e territorio dagli interessi privati degli incendi dolosi, con misure anche nazionali. I tagli agli enti locali, infatti, potrebbero portare innumerevoli danni in tal senso: i Comuni potrebbero essere costretti a tagliare i fondi per la tutela ambientale, con un grande rischio di speculazione privata sulle aree incendiate. Ogni bosco d’Italia, allora, potrebbe essere potenzialmente in pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *