Risparmiare sul riscaldamento con semplici regole da seguire

Risparmiare sul riscaldamento con semplici regole da seguire

Per risparmiare sul riscaldamento domestico, dobbiamo tenere in considerazione alcuni consigli utili

da in Impatto ambientale, Impianti Termici, Risparmio Energetico, Vivere green, ecotendenze
Ultimo aggiornamento:

    risparmiare riscaldamento casa

    Per quanto il clima sia ancora in vena di alte temperature, l’autunno è già inoltrato e ci si avvia inesorabilmente verso l’inverno. Questo significa anche che tra un po’ si dovrà tornare ad accendere i riscaldamenti in casa e in ufficio. Le batoste delle bollette presentano costantemente il conto, tuttavia è possibile arginare il peggio seguendo i 10 consigli di MCE, ossia la Mostra Convegno Expocomfort che è la fiera delle soluzioni più innovative in tema di riscaldamento, raffrescamento, acqua ed energie rinnovabili. Seguendo questi consigli è infatti possibile ritrovarsi con meno spese e rispettare di più l’ambiente.

    Mantenete la temperatura di abitazioni e uffici a 20° C, con un margine di tolleranza di 2 gradi. Questo è infatti il limite deciso dalla normativa nazionale. Oltre questa soglia ogni grado in più aumenta la spesa del riscaldamento ben del 7%. E non è poco! Senza contare che avere in casa una temperatura troppo alta può essere fastidioso e può far male alla salute.

    Questo non farebbe riscaldare bene l’ambiente, costringendovi a tenere i caloriferi accesi per più tempo. Ergo, a pagare di più! Quest’accortezza va presa soprattutto con i termosifoni posti vicino alle finestre della casa.
    Se volete aumentare l’efficienza dei termosifoni, basta mettere una tavola di materiale isolante fra la parete e il termosifone stesso.

    Per impedire che il calore interno alle pareti si disperda fuori, abbassate le tapparelle appena si fa buio. Inoltre, di notte, evitate di tener acceso il riscaldamento: impostate il timer della caldaia, in modo da farla riaccendere due ore prima dal nostro risveglio. La temperatura interna notturna può essere regolata a 16 gradi.

    Non aprite le finestre mentre i caloriferi sono in funzione, o fareste disperdere l’aria calda verso l’esterno. Non dimenticate che in casa ci sono spifferi determinati da finestre e porte. Tutto ciò determina una dispersione di calore. Ecco perché è importante regolare le cerniere e i cardini, in modo da far combaciare perfettamente i battenti ed evitare gli spifferi.
    In alternativa potete ricorrere a degli spessori adesivi, che vengono venduti nei negozi di casalinghi e di bricolage. Anche i doppi vetri possono essere utili per evitare dispersioni di calore.
    Attenzione anche alle porte delle stanze che non utilizzate, come per esempio il ripostiglio o la stanza degli ospiti. Tutto ciò non agevola senz’altro il risparmio sul riscaldamento, perché l’aria calda si disperde anche in queste stanze e la caldaia è costretta a lavorare di più.

    Fate sfiatare i caloriferi, in quanto le bolle d’aria all’interno possono impedire la circolazione del calore.

    L’aria, infatti, va ad intaccare il funzionamento dell’impianto di riscaldamento, e la caldaia non registra così la temperatura giusta, immettendo acqua calda senza regolarsi. Se invece si elimina l’aria, si eliminano con essa anche tutti questi problemi.

    Fate sì che la caldaia sia puntualmente pulita e controllata, in modo da evitare che un suo cattivo funzionamento provochi sprechi e dispersioni di calore inutile. Le caldaie e le tubature dei termosifoni dovrebbero essere controllate almeno ogni due anni. In questo modo si riesce a rendere i dispositivi più efficienti. Rientrano nella manutenzione anche gli interventi che riguardano l’analisi dei fumi.

    Utilizzate le valvole termostatiche, ossia quei dispositivi da installare sui caloriferi che fanno consumare acqua calda per il riscaldamento. Questo accorgimento permette di risparmiare fino al 15% sulla bolletta finale! Per ogni radiatore la valvola termostatica va a sostituire quella manuale, e regola in automatico l’afflusso di acqua calda.

    Automatizzate accensione e spegnimento della caldaia, scegliendo sempre apparecchi moderni ed efficienti: questo permetterà di risparmiare tantissimo in energia e in denaro. Infatti questi apparecchi agiscono in base alla temperatura scelta, spegnendosi e accendendosi di conseguenza. Senza contare che, essendo ultramoderni, sono anche belli esteticamente grazie a design ben curati.

    Procuratevi caldaie a condensazione ad alta efficienza: sostituiscono le caldaie a gas classiche e gli scaldabagni elettrici e, rispetto a questi, permettono di risparmiare fino al 35% in più! Il tutto con rendimenti economici di gran lunga superiori.

    Utilizzate le pompe di calore: vi permetteranno di risparmiare fino al 60% di energia, e potrete risparmiare anche nel riscaldamento dell’acqua sanitaria risparmiando fino al 75% rispetto agli scaldabagni tradizionali a gas o elettrici. Insomma, le percentuali parlano chiaro e non sono certo numeri da poco. Provate a chiederlo al vostro portafogli e… vi darà ragione!

    898

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Impatto ambientaleImpianti TermiciRisparmio EnergeticoVivere greenecotendenze
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI