Raccolta differenziata: in Spagna si va al cinema grazie ai rifiuti di latta

Raccolta differenziata: in Spagna si va al cinema grazie ai rifiuti di latta
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

raccolta-differenziata-riciclo-rifiuti-lattine

Dalla Spagna giunge un’interessante iniziativa in grado di contribuire alla massiccia campagna di comunicazione ambientale in atto nel Paese, e nel condizionamento ecosostenibile dei comportamenti dei più giovani. A Pamplona, infatti, sono stati installati dei particolari contenitori in grado di separare i rifiuti come le lattine e le bottiglie usate, “premiando” i cittadini più virtuosi con dei biglietti per il cinema.

Il funzionamento del meccanismo automatico, denominato SDDR (a sua volta, acromino di Sistema de deposito devolucion y retorno) è molto semplice: occorre infatti inserire nel disposiztivo i rifiuti, in cambio dei quali si riceveranno dei punti premio.

Una volta collezionati 90 punti premio, il cittadino avrà diritto a un biglietto per il cinema, potendo pertanto mettere a frutto, in tal modo, il proprio comportamento ecocompatibile.

La notizia che giunge da Pamplona è sicuramente un’interessante attività verso l’incentivazione a comportamenti maggiormente sensibili nei confronti della tutela dell’ambiente. Non si tratta però di una novità europea, visto e considerato che simili dispositivi sono già in uso in Germania (vedi foto) e, al di fuori del vecchio Continente, in Australia e negli Stati Uniti.

Attendiamo l’arrivo anche in Italia!

244

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Fonte | Rinnovabili

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 03/02/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Benjamin 25 marzo 2012 04:48

spero che si vedra un po di luce per noi disoccupati pero non sbaasbiamo la guardia bisogna sempre lottare uniti forza no molliamo a ma loro non avevano detto che questo mese ci davano quelle famose 480 euro che fine hanno fatto uniti uniti si vince

Rispondi Segnala abuso
Seguici