Pitone in Africa nelle grinfie dei leopardi

Pitone in Africa nelle grinfie dei leopardi

Pitone vittima dei leopardi

Un pitone in Africa nelle grinfie dei leopardi. Una scena che per certi versi rientra nel consueto ciclo naturale che sta alla base degli equilibri della natura. Uno spettacolo che colpisce, perché ci mostra il dispiegarsi di quello che potremmmo definire un processo di predazione o un semplice di “momento ludico” tra animali, che non lascia comunque scampo allo sfortunato pitone della lunghezza di due metri. I due leopardi infatti giocano con il serpente, il quale finisce con il rimanere vittima dei predatori. Una situazione curiosa e allo stesso tempo indicativa degli ecosistemi.

  • Pitone vittima leopardi: biodiversita animale
  • Pitone vittima leopardi: predazione
  • Pitone vittima leopardi: Africa

Le immagini rimandano alla grande ricchezza di cui l’umanità dispone in termini di biodiversità e di habitat naturali che è possibile rintracciare in varie parti del nostro pianeta. In questo caso ci troviamo di fronte ad una scena che si svolge in Sud Africa, ma la tutela della biodiversità animale è una questione che interessa ogni parte del mondo. Si pensi per esempio al fatto che per ciò che concerne la biodiversità in Italia ci sono 58mila specie animali a rischio estinzione.

Un patrimonio ambientale che va salvaguardato in nome di una sostenibilità ambientale tutta da promuovere, in modo da non privarci della possibilità di assistere a scene di questo tipo. La foresta sudafricana costituisce un ambiente naturale ricco di specie animali e vegetali tutte da tenere in considerazione a livello di tutela ambientale.

Le particolari foto che ci mostrano i leopardi alle prese con il pitone sono state scattate da Josh Scheinert, fotografo americano, che è riuscito a regalarci un momento di vivace spontaneità tra animali. In questo senso queste fotografie possono essere messe accanto alle foto più buffe e belle del web che ritraggono gli animali dormiglioni.

343

Fonte | Repubblica

Segui Ecoo

Ven 04/02/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici