Energia nucleare: quattro regioni dicono “no” ai siti

Energia nucleare: quattro regioni dicono “no” ai siti
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

siti nucleari il no di 4 regioni

Leggiamo sul portale dei Verdi la notizia che quattro regioni (Piemonte, Liguria, Toscana, Calabria) hanno impugnato di fronte alla Corte Costituzionale la legge 99/2009 con cui il Governo intende rilanciare il nucleare in Italia, scavalcando di fatto la sovranità regionale sul territorio.

  • mappe nucleari
  • mappa scorie radioattive

Tutte le associazioni ambientaliste, da Greenpeace al WWF, hanno espresso il proprio apprezzamento nei confronti delle regioni che cercano di riappropriarsi della sovranità sui propri territori soprattutto in materia di siti nucleari. Da quando il nucleare ha fatto la sua comparsa, non è mai stato risolto il serio problema dello smaltimento delle scorie radioattive che inevitabilmente si creano attraverso il processo di fissione nucleare.

Non si sa ancora cosa fare dei rifiuti radioattivi ed il Governo cerca di reintrodurre il ricorso all’energia nucleare andando a spodestare le Regioni e gli Enti Locali della propria autorità localizzando di fatto siti che verrebbero equiparati ad aree militari gestite da organismi privati (ma chi sono questi soggetti privati?). Lo scorso maggio Greenpeace aveva rilasciato pubblicamente la mappa che, stilata negli anni ’70 dall’allora CNEN (Comitato Nazionale Energia Nucleare, divenuto ENEA negli anni ‘80), riporta la localizzazione dei siti nucleari. Le zone segnate sono spesso aree costiere, ad esempio di Sicilia e Sardegna, di elevato interesse paesaggistico e naturalistico oppure ad elevato rischio sismico. Considerati anche i potenziali pericoli di incidenti ed attentati terroristici è possibile che non sia preferibile incrementare l’utilizzo delle fonti rinnovabili abbinandolo ad un più consapevole risparmio energetico?

Immagini tratte da:
www.greenpeace.it

308

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Fonte | Verdi.it

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Lun 21/09/2009 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici