Energia eolica: progetti ambiziosi per la Infigen

Energia eolica: progetti ambiziosi per la Infigen
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

energia-eolica-infigen-progetti

La Infigen Energy sta attualmente cercando di concludere delle trattative che dovrebbero condurre al compimento di progetti di energia eolica in Australia, per un ammontare complessivo di circa 500 milioni di dollari per anno. A confermare gli ambiziosi auspici è stato, nelle scorse ore, il managing director della stessa Infigen Energy, Miles George, che ha pertanto “ufficializzato” le indiscrezioni che circolavano già con insistenza nelle ultime settimane.

L’obiettivo concreto di Infigen Energy è quello di incrementare la capacità di produzione di energia eolica di circa 200 MW per anno: per far ciò è tuttavia necessario trovare dei partner convinti nel perseguimento di tale target, e spinti altresì dalla redditività che i progetti dovrebbero assicurare nel medio periodo.

La priorità sembra quindi ora essere quella relativa all’ottenimento dei capitali necessari per sviluppare i piani di realizzazione degli impianti eolici, soprattutto per i progetti da realizzare a partire dal secondo semestre dell’anno.

Per quarto riguarda invece il breve termine, non vi sarebbero alcune difficoltà nel conseguimento dei target annuali di Infigen, che ha annunciato di avere 48 MW di progetti di energia eolica in fase di costruzione, che dovrebbero contribuire a condurre l’obiettivo di espandere la capacità generatrice di energia elettrica a quota 160 MW entro la fine del giugno 2011.

263

Vedi anche:

L'uomo e la distruzione dell'ambiente in un video

La Terra prima dell'arrivo del'uomo aveva un certo equilibrio. Dalla sua comparsa l'uomo ha iniziato a sfruttare le risorse naturali senza nessun rispetto per quell'equilibrio naturale. Il mondo è diventato un cimitero. Sulle note di "In the Hall of the Mountain King" di Edvard Grieg questo video osserva la distruzione del nostro bellissimo pianeta per colpa delle scelte scellerate dell'essere umano. La clip è stata prodotta da Steve Cutts.

FacebookTwitter

Fonte | Bloomberg

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Ven 19/11/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici