Come pulire il forno in modo naturale: una guida utile

Come pulire il forno in modo naturale: una guida utile

Per pulire il forno si possono utilizzare dei prodotti naturali: bicarbonato, aceto, aceto di mele, limoni, sale

da in Vivere green, ecotendenze
Ultimo aggiornamento:

    pulire il forno

    Come pulire il forno in modo naturale? In effetti, per le pulizie domestiche non per forza dobbiamo ricorrere sempre alle sostanze chimiche. La natura ci offre diverse possibilità per restare in sintonia con la sostenibilità ambientale. Macchie, unto, incrostazioni possono essere combattuti facilmente, servendosi di detersivi green, che non risultano nemmeno tossici e per questo sono di certo più sicuri per la salute. Se il vostro problema è riuscire a destreggiarvi fra i detergenti per un elettrodomestico che usate spesso, ecco qualche consiglio che può risultare utile.

    limoni pulire forno

    Possiamo dedicarci alla pulizia del forno utilizzando due limoni. Basterà tagliarli a metà e spremerne il succo. Quest’ultimo deve essere versato in una teglia. Poi si deve far cuocere il tutto a 250 gradi per circa 30 minuti. Naturalmente il tempo varia anche in base alla quantità di sporcizia che vogliamo rimuovere. Vedrete che ne trarrete molto beneficio, grazie all’azione dei vapori che scioglieranno il sudiciume.

    Lasciate raffreddare e poi utilizzate delle pagliette per sgrassare. Magari aiutatevi con una spatola in silicone per togliere il grosso. Ricordiamoci che l’acqua con l’essenza di limone va bene anche come brillantante da applicare alle pareti. In questo caso, poi usate un asciugamano per tamponare il tutto.

    bicarbonato aceto

    Avete mai provato l’aceto e il bicarbonato di sodio? Il primo va spruzzato nella parte interna, cospargendo tutto intorno con il secondo ingrediente. Fate riscaldare per un po’ e aspettate per circa mezz’ora. A questo punto ricorrete ad una spugna abrasiva per pulire. L’effetto sgrassante è davvero notevole.

    bicarbonato acqua

    Possiamo mettere a punto anche, in modo semplice, una pasta formata da bicarbonato e acqua.

    Questo composto va sistemato su tutte le superfici e va lasciato agire per un’intera notte. La mattina dopo si deve risciacquare con acqua tiepida, togliendo le imbrattature con uno spazzolino.

    sale aceto

    Il sale rappresenta un’alternativa al bicarbonato. Infatti è ottimo per realizzare uno scrub. Anche in questo caso è necessario utilizzare il calore. La temperatura va portata almeno a 180 gradi. Va spruzzata una miscela di aceto e acqua e poi si deve aggiungere il sale.

    Si lascia riposare per qualche istante e poi si passa a detergere. Si ottiene un’azione disinfettante, riuscendo ad eliminare allo stesso tempo anche gli odori.

    aceto di mele

    L’aceto di mele è un altro di quei rimedi che permette di lavare bene, pensando contemporaneamente a non creare problemi di inquinamento. Va semplicemente mescolato a dell’acqua, che deve essere scaldata in una pentola.

    Quest’ultima va posizionata all’interno dell’elettrodomestico ben calda e va lasciata per circa 15 minuti. Poi va estratta. Lasciamo un po’ aperto per far uscire l’odore e poi utilizziamo una spugnetta per tergere. In questo modo possiamo far staccare senza fatica anche i residui di cibo e avremo agito nel pieno rispetto dell’integrità del nostro pianeta. Il tutto è davvero ecosostenibile.

    Foto di Maurizio Albissola

    Guarda anche:

    Come pulire e lucidare in modo ecocompatibile i mobili laccati
    Come pulire i mobili da giardino con metodi ecologici
    Come pulire il bagno e la cucina con il detersivo ecologico
    Come pulire le borse di pelle con rimedi a basso impatto ambientale

    774

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Vivere greenecotendenze
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI