Come pulire gli asparagi per evitare sprechi

Come pulire gli asparagi per evitare sprechi? Ecco alcuni consigli ad hoc per riuscirci in poche mosse.

da , il

    Come pulire gli asparagi per evitare sprechi? Non tutti sanno che gli asparagi appartengono alla famiglia delle Liliacee, ma è ben nota la loro importanza a livello nutrizionale. Non solo gustosi, ma ricchi di acido folico, asparagina, importante amminoacido che favorisce la sintesi proteica, vitamine e calcio. Diuretici per eccellenza, si prestano alla preparazione di prelibate ricette, sia nella varietà bianca, violetta, verde che selvatica. Quelli freschi si riconoscono ad occhio, in primis dal taglio del gambo, secco ma non appassito, e dalle punte, sode e corpose. Ovviamente gli asparagi, prima della cottura, richiedono di essere puliti e curati, ma come procedere evitando sprechi? Ecco alcuni consigli ad hoc.

    Rimuovi l’elastico ed eventuali asparagi marci

    Prima di tutto dovrai rimuovere l’elastico che li tiene uniti in un mazzetto, quindi eliminare eventuali fusti marci o rovinati.

    Sciacquali bene

    Ora puoi procedere lavandoli sotto acqua corrente, facendo particolare attenzione a rimuovere eventuali tracce di terriccio.

    Elimina la parte verde filamentosa

    Con un coltellino o un pelapatate elimina la parte verde filamentosa da ciascun asparago. Otterrai così un fusto chiaro.

    Elimina la parte finale

    Ora elimina da ciascun asparago la parte legnosa posta alla base. Per facilitare l’operazione, uniscili con un cordino in un mazzetto.

    Taglia eventualmente le punte

    Rimuovi con un coltello le punte degli asparagi se vuoi utilizzarli, da soli, per una ricetta o un sughetto speciale.

    Guarda 10 ricette estive vegane per combattere il caldo

    Taglia a pezzetti il gambo restante

    Se hai rimosso le punte, che andrai a utilizzare poi per qualche ricetta agli asparagi, taglia i gambi a pezzetti e utilizzali a parte, per qualche altro piatto.