Come coltivare i fiori di loto in vaso

Come coltivare i fiori di loto in vaso? Una piccola guida green per la coltivazione di questi fiori delicati a partire dai semi o dai tuberi.

da , il

    Come coltivare i fiori di loto in vaso? Questi fiori molto delicati, sacri per il Buddhismo e per l’Induismo, hanno delle foglie molto decorative e possono essere utili per decorare piccoli laghi o stagni. Sono delle piante acquatiche, ma non è difficile coltivarli in vaso. Basta seguire la procedura corretta e potremo avere fiori di varie dimensioni e di diversi colori. Sono disponibili, infatti, gialli, rosa, bianchi e rossi. La coltivazione può avvenire a partire dai semi (anche se questi non produrranno fiori nel corso del primo anno) o dai tuberi. Vediamo una guida green per procedere alla coltivazione.

    Il vaso

    La scelta del vaso non deve essere affidata al caso. Un contenitore adatto è fondamentale per una crescita corretta di questi fiori. Possiamo procurarci un vaso di plastica, ma quest’ultimo deve essere rotondo, molto grande e non forato sul fondo. Sono delle caratteristiche essenziali, perché questi fiori sono davvero delicati. Le punte dei tuberi, infatti, si sviluppano verso gli angoli e, dal momento che risultano molto fragili, potrebbero danneggiarsi in presenza di un vaso quadrato e stretto. E’ necessario che non ci sia un foro nel fondo, perché dovremo aggiungere dell’acqua per un corretto sviluppo dei fiori.

    La coltivazione da seme

    Per prima cosa bisogna incidere i semi, grattando la parte esterna con una raspa metallica. Mettiamo i semi in un bicchiere con acqua tiepida, che deve essere cambiata ogni giorno finché i semi non germogliano. Ricordiamoci che i semi che galleggiano non sono fertili. I semi raddoppieranno il volume nel giro di 24 ore. La piantina dovrà essere travasata in un vaso riempito per due terzi di terra e per un terzo di acqua. La temperatura ideale è di circa 20-25 gradi. Man mano che la pianta crescerà, potrebbe essere necessario spostarla nella vasca idroponica, per garantire ad essa uno spazio maggiore. La vasca deve essere riempita fino all’orlo e situata in un posto soleggiato.

    Scopri anche come curare le begonie

    La coltivazione da tubero

    Possiamo coltivare questi fiori anche a partire dai tuberi. Questi devono essere sistemati in una ciotola con acqua tiepida. L’acqua deve essere cambiata circa ogni 5 giorni. Riempiamo un vaso adatto con del terriccio (60% di argilla e 40% di sabbia di fiume), lasciando circa 5 centimetri di spazio vuoto tra la superficie del terriccio e il bordo del vaso. Sistemiamo il vaso in una catinella, in modo che il livello dell’acqua in quest’ultima arrivi circa al bordo del vaso. Mettiamo in posizione orizzontale i tuberi sul terriccio, premendo leggermente. Dopo un po’ di giorni è opportuno sistemare il vaso in un laghetto, per garantire ai fiori una maggiore profondità.

    La temperatura

    I fiori di loto crescono in un ambiente molto soleggiato. Per questo motivo bisognerebbe evitare le possibili fonti di ombra, rimuovendo, se necessario, foglie o altri elementi che impediscono l’accesso ai raggi del sole. Ricordiamoci, però, che la temperatura non dovrebbe superare i 35 gradi. La temperatura dell’acqua, invece, dovrebbe essere di circa 21 gradi.

    La potatura e la concimazione

    Quando lo riteniamo necessario, procediamo alla potatura, rimuovendo le parti ingiallite. Ricordiamoci di tagliare solo gli steli che vediamo al di fuori della superficie dell’acqua. La concimazione può essere effettuata attraverso le apposite pastiglie per piante acquatiche e non dovrebbe essere attuata durante il primo anno se abbiamo usato i semi per la coltivazione.

    Come conservare a lungo i fiori