Ambiente: Hortus, il giardino verticale

Ambiente: Hortus, il giardino verticale

Hortus si configura come un giardino verticale che permette di coniugare la praticità con l'ecodesign e la sostenibilità ambientale

da in Conservazione ambiente, Ecodesign, Giardini, Sostenibilità Ambientale
Ultimo aggiornamento:

    ambiente hortus giardino verticale

    Tra le soluzioni che è possibile adottare per un ambiente all’insegna dell’originalità non possiamo non ricordare Hortus, il giardino verticale. Si tratta di una strategia accattivante e innovativa, in grado di sfruttare le possibilità offerte dalla modularità e dalla mobilità degli accessori da parete, per realizzare un orto urbano che corrisponde alle nostre preferenze. Una soluzione alternativa, che colpisce l’attenzione soprattutto per il suo ecodesign. Il tutto reso ancora più pratico e versatile grazie ad un sistema a scomparsa e alle doghe realizzate con materiali naturali.

    Le soluzioni verticali costituiscono una risorsa sperimentata anche in altri ambiti. Basta pensare alle fattorie verticali, che si rappresentano un modo per sfruttare al meglio lo spazio e provvedere alla messa in atto di forme apprezzabili di conservazione dell’ambiente.

    Hortus si colloca su questa scia, proponendo l’opportunità di dedicarsi all’agricoltura e al giardinaggio anche in contesti che mettono a disposizione aree ridotte.

    Il tutto naturalmente avviene all’insegna della sostenibilità ambientale. Infatti Luca Garbarini, a cui si deve questa idea particolare, ha dichiarato a tal proposito:

    Le doghe con cui realizziamo le pareti e i pavimenti sono state progettate partendo da materie prime, che sono il risultato di un’innovativa sintesi tra natura e chimica, cioè tra fibre naturali, al 70%, e polimeri termoplastici, al 30%. Le prime derivano da sfridi di lavorazione di legname proveniente da foreste certificate, mentre il polimero puro utilizzato è atossico e riciclabile.

    Da considerare anche il fatto che i materiali sono resistenti all’azione degli agenti atmosferici, di funghi e parassiti.

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Conservazione ambienteEcodesignGiardiniSostenibilità Ambientale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI